menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Pd, il renziano Sergio Annunziata riammesso dopo la sospensione

Intanto ieri Vincenzo Pedace ha lasciato l'incarico di segretario provinciale dei Giovani Democratici invitando gli altri candidati a rinunciare ai doppi incarichi

Il candidato renziano Sergio Annunziata al congresso del Partito Democratico è stato ammesso alla corsa per la poltrona di segretario provinciale. La sua candidatura era stata sospesa dopo alcune contestazioni sulla validità delle firme necessarie alla presentazione dei candidati. Ieri, però, l'esponente dell'area del sindaco di Firenze ha presentato 276 firme, 2 più del minimo ed è, dunque, tornato in gara.
Per la guida del Pd sono in corsa, oltre ad Annunziata, il segretario uscente Nicola Landolfi, sostenuto da diversi parlamentari, consiglieri regionali e dal sindaco Vincenzo De Luca, e il giovane Vincenzo Pedace, sostenuto da un nutrito gruppo di giovani di tutta la provincia, da diversi senior del partito e anche dall'area politica del Pd vicina al premier Enrico Letta.

Sempre ieri Pedace ha lasciato l'incarico di segretario provinciale dei Giovani Democratici: ""Rimetto la mia carica nelle mani del segretario nazionale Fausto Raciti. Lo faccio - spiega - perché l'organizzazione giovanile non è una corrente organizzata, ma un'organizzazione legata al partito in maniera plurale. E' un gesto di rispetto e di dignità. Avrei potuto decidere di mantenere questa carica in quanto non c'è incompatibilità, ma per rispetto verso tutti i ragazzi che in questi anni hanno condiviso con me un percorso ho preso questa decisione. Penso sia giusto che anche gli altri candidati si dimettano dagli incarichi attuali per rendere la competizione più trasparente e giusta."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento