Pellezzano: approvato il Rendiconto di Gestione 2017

Il consigliere d'opposizione Claudio Marchese: "I conti non tornano. Ci sono preoccupanti zone d’ombra e lacune nel documento di rendicontazione: votare in maniera favorevole questo Consuntivo è stato un atto di pura irresponsabilità"

E' stata una riunione del Consiglio Comunale particolarmente importante quella che si è tenuta il 6 agosto a Pellezzano. All'apertura del Consiglio, infatti, il sindaco Morra ha dato comunicazione dell'intitolazione del palazzetto dello sporto di Capriglia a Carmine Longo e di una strada di Coperchia a Nino Rinaldi. In seguito è stato approvato il Rendiconto di Gestione del 2017.

Il rendiconto

"L’intenso e attento lavoro di squadra svolto dall’assessore al Bilancio di concerto con il Responsabile del Settore Finanziario e con la supervisione del Revisore dei Conti, ha consentito di pervenire in modo efficace e tempestivo all’approvazione di questo importantissimo documento contabile rispettando i termini di legge previsti ed evitando così all’Amministrazione Comunale di incorrere in situazioni che avrebbero inevitabilmente avuto gravi ricadute non solo sulla già gravosa situazione economico finanziaria dell’ente ma soprattutto sulla vita di tutti i cittadini - hanno spiegato dall'Amministrazione - Evitare di dichiarare una situazione di predissesto è stato un traguardo importantissimo perché questo, se da una parte avrebbe sollevato l’Amministrazione dalla responsabilità di affrontare problemi ereditati da amministrazioni precedenti, di contro avrebbe significato far ricadere sui cittadini l’onere di scontare il prezzo di questi esiti catastrofici, perché tutto ciò avrebbe condotto ad un immobilismo della macchina municipale e soprattutto ad un innalzamento delle aliquote e quindi del carico fiscale collegato ai servizi rivolti alla cittadinanza". Il Rendiconto è stato approvato dall'unanimità della maggioranza, hanno espresso voto contrario 3 consiglieri comunali mentre Angelo Avallone si è astenuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'opposizione

Alla conclusione della riunione, il consigliere d'opposizione Tiziano Sica ha dichiarato l'indipendenza dal gruppo Pellezzano Libera rivendicando la sua attuale adesione per il Movimento Salvini Premier. Proprio da Pellezzano Libera il consigliere Claudio Marchese ha commentato l'approvazione del Rendiconto 2017. "I conti non tornano – ha commentato Marchese – ci sono preoccupanti zone d’ombra e lacune nel documento di rendicontazione: votare in maniera favorevole questo Consuntivo è stato un atto di pura irresponsabilità, un gesto scellerato di chi non accetta di avere un piede nell’anticamera del dissesto, o quantomeno di essere al capezzale di una situazione finanziaria sull’orlo del default. Il Consuntivo, attraverso i suoi numeri, dovrebbe rappresentare in maniera trasparente lo stato di salute finanziaria dell’ente, dirci come sono stati amministrati i soldi della comunità rispetto al quadro previsionale, come sono stati spesi ed in quale misura, qual è il livello di riscossione delle imposte, dei debiti fuori Bilancio e via via voce per voce in maniera analitica - ha incalzato Marchese - Mancano il Bilancio della Pellezzano Servizi (Anno 2017) che rappresenta una voce sostanziale del Bilancio comunale e la relazione del Revisore dei Conti, fatta pervenire al nostro gruppo solo tre giorni prima del consiglio comunale e non, come dice la norma, almeno 20 giorni prima. Dal Consuntivo emergono molte incognite sul futuro finanziario del Comune. Esprimiamo forte preoccupazione sullo stato di salute dei conti, sull’ammontare dei debiti fuori Bilancio rispetto ai quali è necessario un approfondimento serio per capire se vi sono responsabilità dei singoli evitando, così, che a pagarli sia la comunità. Per questi motivi, abbiamo espresso il nostro voto contrario riservandoci ogni azione, nei termini di legge, a tutela della comunità, da portare avanti nelle sedi competenti: una su tutte, la Corte dei Conti, organo terzo giudicante dello stato finanziario dell’ente. Crediamo - conclude Marchese - che non vi siano alternative: o si attuano misure politiche responsabili e giuste oppure si andrà incontro allo scioglimento del consiglio ed all’arrivo di un nuovo commissario: cosa che noi non ci auspichiamo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento