menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid-19 a Cava, Servalli incontra l’opposizione: ecco le richieste

I consiglieri di minoranza faranno il punto della situazione con il primo cittadino ogni venerdì alle 16. Intanto il Consiglio comunale monotematico sul Coronavirus – chiesto dall’opposizione - è stato convocato per il prossimo 23 aprile

Più controlli, soprattutto nelle frazioni di Cava, ma anche più mascherine e più tamponi per arginare la diffusione del virus. Queste le principali richieste dei consiglieri di opposizione Vincenzo Lamberti, Renato Aliberti, Clelia Ferrara, Pasquale Senatore, Gerardo Baldi e Vincenzo Passa nel corso della videoconferenza di ieri pomeriggio con il sindaco Vincenzo Servalli, convocata per confrontarsi sulle misure più idonee da attuare in città per l’emergenza Covid 2019.

Le richiesta

I consiglieri raccontano: “Sono soprattutto i controlli a mancare in città. Ci vogliono più agenti in strada che accertino il rispetto della quarantena; inoltre si deve stabilire che la composizione delle pattuglie sia sempre uguale: questo per una maggiore sicurezza degli agenti stessi, ma anche dei cittadini”. Chiesti anche più tamponi da effettuare alla popolazione, in modo da monitorare meglio l’andamento del virus, e più mascherine a disposizione dei cittadini. “Le mascherine servono urgentemente, anche perché saranno indispensabili nella fase 2, quando si potrà uscire ma con le opportune precauzioni: mascherine e guanti dovranno essere sempre indossati”. Nel corso del colloquio con il sindaco, inoltre, è stato proposto di destinare l’intero compenso dei consiglieri ed una parte degli introiti degli assessori per acquistare beni di prima necessità a favore delle famiglie che si sono trovati senza reddito. “Sarebbe opportuno anche aiutare i commercianti, colpiti così duramente dal virus, disponendo per loro la sospensione della Tari anche perché, a causa della chiusura della propria attività, non stanno producendo immondizia”, hanno precisato. Si è, infine, manifestata la necessità di consentire l’accesso ad internet in tutte le zone della città; in alcune, infatti, è molto difficile accedere alla rete. “Si tratta di un provvedimento fondamentale, anche per permettere ai tanti studenti della città di accedere alla didattica a distanza” concludono i consiglieri di minoranza che faranno il punto della situazione con il sindaco  Servalli ogni venerdì alle ore 16. Intanto il Consiglio comunale monotematico sul Coronavirus – chiesto dall’opposizione - è stato convocato per il prossimo 23 aprile.     

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento