Roberti a Salerno: "Contro la corruzione serve l'agente sotto copertura"

Il neo assessore regionale alle Politiche per la Sicurezza ha partecipato all'avvio ufficiale dell'associazione “Giovi c'è”

Franco Roberti

“Non valuto le idee e le posizioni del presidente del consiglio. Io ribadisco quello che dico da moltissimo tempo: è necessario introdurre nel nostro ordinamento, per combattere efficacemente la corruzione, la figura dell'agente sotto copertura che è ben diversa dall'agente provocatore”. A chiarirlo, da Salerno, è Franco Roberti, neo assessore regionale alle Politiche per la Sicurezza, a margine della presentazione dell'associazione “Giovi c'è

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'annuncio

Per l'ex procuratore nazionale antimafia, si tratterebbe di “una figura prevista dalla convenzione di Merida delle Nazioni Unite contro la corruzione e ratificata dal nostro Paese e che prevede l'attività di un poliziotto autorizzato dal pm che si inserisce nella trama corruttiva già in atto, individuata e dimostrata. Si inserisce, osserva e riferisce al pubblico ministero, quindi raccoglie le prove e fa attività di polizia giudiziaria all'interno del tessuto corruttivo”. “Esiste il fischiatore, quello che restando anonimo riferisce ai superiori, che sono tenuti a informare l'autorità giudiziaria, casi di corruzione di cui venga a conoscenza nell'ambito delle proprie attività istituzionali. Questa figura esiste già nel nostro ordinamento - ha spiegato Roberti - ma sarebbe importante avere con l'agente sotto copertura degli elementi di prova diretti che possano essere riferiti direttamente al pm senza la mediazione del fischiatore che rimane anonimo che poi non può essere utilizzato come testimone”.

Poi l’esponente tecnico della Giunta De Luca ha ribadito le sue priorità: “Valorizzazione delle misure di prevenzione sul territorio, incentivare la videosorveglianza, la crescita professionale dei corpi di polizia municipale,  valorizzare il ruolo dei congiunti delle vittime di mafia e terrorismo spesso dimenticati, valorizzare la destinazione dei beni confiscati a uso comune nell'interesse della collettività”. Infine ha elogiato l’associazione: “Iniziative come quella alla quale partecipo oggi anticipa una mia idea che da assessore intendo portare avanti e affermare, ovvero creare sinergie tra i cittadini attivi che hanno a cuore il bene comune e le istituzioni territoriali. Io sono ben lieto di essere qui oggi, per patrocinare questa iniziativa proprio perché corrisponde ad una mia idea profonda del mio modo di fare sicurezza sul territorio, attraverso una interazione tra cittadini e istituzioni” ha concluso Roberti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento