menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crescent, Tofalo (M5S) contro De Luca: "Miccio sceglierà la strada della legalità"

Tofalo: "De Luca ha dato ulteriore riprova di essere totalmente incapace al dialogo, un uomo dello stato che decide prima richiede alla soprintendenza un tavolo di confronto con tutti gli interlocutori della faccenda Crescent per poi dare forfeit"

"Salerno è congelata dalla politica dagli ecomostri e da sprechi spacciati per opere straordinarie: il sindaco Vincenzo De Luca in questi giorni ha dato ulteriore  riprova di essere totalmente incapace al dialogo, un uomo dello stato che decide  prima richiede alla soprintendenza un tavolo di confronto con tutti gli interlocutori della faccenda Crescent per poi dare forfait senza alcun preavviso, salvo organizzare, subito dopo, un manage a trois tra il soprintendente, l’avvocato del Comune  ed i responsabili tecnici. Lo ha detto il deputato di M5S, Angelo Tofalo.

"Il tutto è successo ovviamente a porte chiuse e lontano da orecchie indiscrete, lontano fa avvocati e tecnici capaci di confutare le eresie che hanno rimbalzato successivamente quotidiani e media, ma alla presenza di Felice Marotta, già condannato dalla Corte dei Conti a pagare 800.000 euro a cui non aveva diritto, o Bianca De Roberto, anch’essa rinviata a giudizio dalla Procura di Salernonella vicenda Crescent - continua Tofalo - Per fortuna a Salerno esistono dei cittadini liberi che non si fanno intimorire da questi atteggiamenti provocatori e portano avanti da anni una battaglia di civiltà, finanziata dal basso da altri cittadini stanchi di subire a mezzo stampa e tv le suggestioni di un uomo che ha ormai perso ogni contatto con la realtà. Il sistema di potere del sindaco De Luca sta scricchiolando, il germe della verità sta infettando un ventennio fatto di promesse mancate e mero carrierismo politico", ha aggiunto.

Tofalo spera, dunque, "che le continue pressioni mediatiche messe in atto dal sindaco nei confronti del Soprintendente non neghino alla città di Salerno la possibilità di vedere tutelato un proprio diritto, sono certo che il dottor Miccio sceglierà la strada della legalità forte del grande potere che gli da un Ministero nato dall’estensione uno dei più importanti articoli della Costituzione Italiana e forte soprattutto della gratitudine di quei cittadini salernitani che hanno dovuto assistere impotenti allo stupro della parte più bella della città", ha concluso Tofalo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento