Politica

Crescent, Celano critica il Comune: "Amministrazione spregiudicata, sindaco megalomane"

Il consigliere comunale del Nuovo Centrodestra interviene dopo il parere della Soprintendenza, che ha di fatto bocciato l'impatto paesaggistico dell'opera di Bofill

Il giorno dopo il parere negativo della Soprintendenza sul Crescent il consigliere comunale del Nuovo Centrodestra Roberto Celano attacca a muso duro la Giunta De Luca: "I rilievi del Soprintendente Miccio evidenziano ancora una volta l’avventatezza delle procedure amministrative adottate e la spregiudicatezza di un’amministrazione che, pur di consentire la realizzazione di un edificio sovradimensionato in area demaniale scelto dal primo cittadino quale simbolo del suo governo, rischia di arrecare, in ogni caso,  un danno irreparabile alla città".  

Per Celano "Miccio ha demolito il progetto sotto ogni aspetto, evidenziando il danno paesaggistico che l’opera arrecherebbe, a suo dire,  alla zona interessata.  Gli azzardi amministrativi perpetrati e perpetuati hanno di fatto “consegnato” alla magistratura l’onere di decidere sul disegno urbanistico della zona più attrattiva dell’intera città. Salerno avrebbe meritato, invero, di partecipare alle decisioni del proprio destino urbanistico e delle scelte più rilevanti e strategiche assunte sul territorio cittadino. I salernitani - spiega l'esponente dell'opposizione - avrebbero auspicato minore arroganza e presunzione, maggiore ponderatezza e saggezza al posto di megalomanie “consumate” incautamente. Un buon amministratore non può giocare d’azzardo col futuro di una comunità. Chi è responsabile di tutto ciò, ci chiediamo, può ancora imperterrito restare al suo posto?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescent, Celano critica il Comune: "Amministrazione spregiudicata, sindaco megalomane"

SalernoToday è in caricamento