menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi in Campania, De Luca attacca Caldoro: "Lo rispetto, ma produce soltanto fumo"

Il sindaco di Salerno, sempre più in campagna elettorale, prende nuovamente di mira l'amministrazione regionale di centrodestra

E’ sempre più in campagna elettorale il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. In attesa che venga stabilita la data delle primarie del Pd, il primo cittadino prosegue la sua corsa verso Palazzo Santa Lucia attaccando ormai quotidianamente l’amministrazione regionale guidata da Stefano Caldoro. Anche questa mattina, a margine della presentazione del primo bus cardioprotetto della ditta Curcio, De Luca è tornato a prendere di mira la Regione: “Sappiamo tutti che la crisi ha motivazioni di carattere nazionale ed internazionale, ma non c’è dubbio che la latitanza, l'incapacità di governo della Regione Campania abbiano accentuato questi elementi di crisi".

Poi si è soffermato sui gravi problemi occupazionali che affliggono i giovani della regione. "Siamo gli ultimi d'Italia - ha affermato il sindaco - per occupazione, siamo gli ultimi per capacità di utilizzazione dei fondi europei. Se si hanno a disposizione 7 miliardi di euro di fondi europei e abbiamo certificato la spesa al 38% e non si riescono ad aprire i cantieri e si è  in condizioni tali da dover restituire all'Ue almeno 2,5 milioni di euro che non si riescono ad investire, questa è  una responsabilità gravissima che ha la Regione Campania per i limiti di governo".

Infine su un futuro governo regionale di larghe intese ha chiarito la sua posizione: "Credo che il tempo delle chiacchiere sia finito ed è finito il tempo delle cerimonie. Ho molto rispetto per il presidente della Regione Campania, ma credo che cinque anni di tempo siano stati persi per produrre soltanto fumo".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento