Lunedì, 17 Maggio 2021
Politica

Crisi del commercio a Montecorvino Rovella: le proposte di "Prima i Cittadini"

Il presidente Mariano Iodice scrive al sindaco e agli assessori: "Siamo certi che vorranno prendere in considerazione le nostre proposte e porre al centro della loro azione amministrativa anche e soprattutto il problema della crisi dei negozianti"

Mariano Iodice

Una serie di proposte volte ad aiutare i commercianti della città di Montecorvino Rovella che, come tanti altri, devono fare i conti con la crisi economica. Promotore di un vero e proprio progetto di intervento a favore del commercio è il gruppo civico “Prima i Cittadini” guidato da Mariano Iodice, che ha scritto direttamente al sindaco e agli assessori al commercio e alle finanze del Comune affinchè esaminino nei dettagli le loro iniziative.

Nel documento troviamo: sgravi fiscali per i commercianti, soprattutto di quelle zone che stanno subendo un’evidente “desertificazione commerciale”. Nello specifico un contributo per ogni singolo commerciante in crisi che copra il 50% dell’ammontare dei tributi comunali; la creazione di un fondo comunale per il commercio che costituisca un aiuto economico per i commercianti in crisi tale da permettergli il rilancio dell’attività economica: il blocco per la durata di sei mesi di ogni procedura di recupero crediti, senza aggravio di interessi di sorta; le concessioni gratuite per l'utilizzo dello spazio pubblico prospicente il negozio; l’istituzione di un “Tavolo permanente di concertazione sul commercio cittadino” cui siederebbero i rappresentanti dell’Ente comunale, i rappresentanti delle associazioni di categoria, rappresentanti degli Enti sovracomunali e i rappresentanti dei proprietari di immobili dati in affitto per uso commerciale. Compito del tavolo sarebbe un costante monitoraggio della situazione del commercio cittadino per l’analisi delle sue criticità e l’elaborazione di proposte al supporto del settore. Sostegno ai commercianti anche attraverso il pagamento degli affitti: a vantaggio delle attività commerciali, in collaborazione con le associazioni di categoria svilupperemo un sistema di sostegno concreto al pagamento degli affitti. Ma anche l’elaborazione e l’attuazione di un programma di eventi culturali e artistici, che copra tutto l’anno, da svolgersi soprattutto nel Centro Storico cittadino nei fine settimana al fine di invogliare i concittadini tutti a riviverlo nuovamente e preferirlo ai centri commerciali per i loro acquisti.

A questi primi interventi l’associazione civica di Iodici propone anche: l'introduzione dei negozi cittadini in un circuito di “Manifesto Digitale” e del Wifi pubblico come forme moderne di pubblicità low cost e local; la revisione delle funzioni dell'ufficio Commercio, perché diventi partner del commercio facilitando l'accesso ai finanziamenti e la conoscenza della normativa (vedi Obiettivo); la riduzione dei tempi di pagamento verso i fornitori del Comune che siano operatori del commercio locale; l'inserimento dei negozi attivi e sfitti in un “Portale del Marketing Territoriale”, per attirare nuovi investitori, facilitare l'apertura di nuovi laboratori e servizi mediante l'incrocio tra domanda e offerta e l'offerta di uno spazio espositivo su internet gratuito per i negozi consorziati. “Siamo certi che – afferma Iodice -  vorranno prendere in considerazione le nostre proposte e soprattutto vorranno porre al centro della loro azione amministrativa anche e soprattutto il problema della crisi del commercio a Montecorvino Rovella, evitando il fallimento di altre attività commerciali. La crisi del commercio nella nostra città è estremamente seria e da affrontare con interventi immediati, radicali e concreti che sappiano fermare la moria di esercizi commerciali aiutando i negozianti a non fallire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi del commercio a Montecorvino Rovella: le proposte di "Prima i Cittadini"

SalernoToday è in caricamento