rotate-mobile
Politica

Crisi Cstp, Luca Cascone: "Colpa di regione e provincia"

L'assessore comunale ai trasporti e alla mobilità critica regione e provincia dicendo che la crisi del consorzio è "colpa dei loro tagli" al settore

Crisi Cstp, non si placano le polemiche sui problemi di cassa del consorzio salernitano dei trasporti pubblici. In una nota l'assessore comunale ai trasporti e alla mobilità Luca Cascone ha dichiarato che i problemi di bilancio sono "causati dai tagli scellerati della regione Campania e della provincia di Salerno, che hanno determinato la crisi e la messa in liquidazione del Cstp". Cascone solleva anche un'altra questione: "Il 30 marzo gli enti hanno ricevuto un telegramma dove si chiedeva con estrema urgenza un provvedimento per adeguare il corrispettivo chilometrico di 0,60 centesimi di Euro: il comune di Salerno ha prontamente risposto positivamente e la provincia invece negativamente ancora ad oggi; come mai questa diversità di trattamento?"

E ancora: "Nell'audizione presso la commissione regionale il comune di Salerno ha ribadito come sia indispensabile rivedere gli importi distribuiti ai vari comuni capoluogo ed alle varie province individuando criteri univoci e costi standard che consentano una corretta proporzionalità; così come è stato richiesto di attivarsi per la concretizzazione della causa di oltre 14 milioni di Euro. Tutti questi interventi consentirebbero di salvare concretamente il Cstp ed i suoi dipendenti"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Cstp, Luca Cascone: "Colpa di regione e provincia"

SalernoToday è in caricamento