Crisi della maggioranza al Comune di Salerno, il sindaco: "Verificheremo la situazione"

Il sindaco Napoli: "Provvederò a convocare, dandone mandato al mio capo staff, un incontro per verificare il perimetro della maggioranza. Il nostro programma deve essere attuato senza ostacoli pretestuosi"

Comune

Non è tardata ad arrivare, la risposta del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, dopo che, ieri, i consiglieri iscritti al Partito Democratico e candidati nelle tre liste civiche “Progressisti per Salerno”, “Salerno per i giovani” e “Campania Libera” hanno incontrato i vertici provinciali e regionali del partito, alla presenza di Piero De Luca, membro della segreteria regionale, e di Vincenzo Luciano, neo segretario provinciale e capo staff del sindaco Enzo Napoli. I consiglieri comunali di maggioranza “hanno fortemente stigmatizzato, criticato e preso le distanze dalla irresponsabile posizione politica di opposizione assunta formalmente da alcuni esponenti politici di maggioranza nel corso dell’ultimo consiglio comunale", invitando Luciano a “valutare e verificare, insieme al sindaco, l’attuale perimetro della maggioranza".

La risposta del Sindaco

"Nella seduta di consiglio del 31 ottobre si sono portati all’attenzione del Consiglio i provvedimenti finanziari, come per norma corredati dai pareri favorevoli dei revisori. Gli argomenti erano stati discussi nelle commissioni consiliari e per quanto attiene la maggioranza, nella riunione abituale dei gruppi che precede le sedute del Consiglio. Sul punto relativo al piano delle alienazioni, che riguardava il mero adeguamento di un provvedimento già più volte approvato, con l’aggiunta di qualche punto marginale, alcuni esponenti di maggioranza hanno voluto differenziarsi esprimendo un voto contrario. Le argomentazioni a supporto della loro strumentale differente opinione sono state ritenute irricevibili, demagogiche e offensive da parte di tutti i consiglieri della maggioranza, a cui va il mio ringraziamento, che in piena consapevolezza hanno votato il provvedimento. Analoga differenziazione si è registrata sul provvedimento di presa d’atto del piano ASI, obbligo meramente formale a cui è chiamato il Consiglio. Tale comportamento, privo di qualsiasi motivazione, è sicuramente intollerabile nei modi e nei termini. Come, peraltro, richiestomi formalmente, provvederò a convocare, dandone mandato al mio capo staff, un incontro per verificare il “perimetro” della maggioranza. Il nostro programma, limpido ed efficace, deve essere attuato senza ostacoli pretestuosi con la partecipazione leale di quanti in esso si riconoscono. La maggioranza ne uscirà sicuramente rafforzata"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

Torna su
SalernoToday è in caricamento