Gianfranco Valiante: "Sanità salernitana nel caos totale"

Il consigliere regionale del Pd chiede al commissario Asl il pagamento degli stipendi ai dipendenti e critica la gestione commissariale dell'ente, chiedendo ai vertici Asl chiarezza sull'equilibrio di bilancio

Gianfranco Valiante

E' polemica a proposito della sanità nel territorio salernitano. Così il consigliere regionale Pd Gianfranco Valiante: "Con decreto n.73 del 24 ottobre il presidente Caldoro, nella sua qualità di commissario ad acta, ha ordinato ai vertici dell'Asl di Salerno di rielaborare entro 15 giorni il piano attuativo presentato lo scorso 30 giugno perché contrastante con il decreto commissariale 49 del 27.09.2010 (riassetto della rete ospedaliera e territoriale).

Caldoro ha condiviso per intero tutte le prescrizioni richieste dall'ARSAN - aggiunge Valiante - smentendo clamorosamente nei fatti il Commissario di Salerno che soltanto qualche giorno fa aveva invece pubblicamente dichiarato di aver ottenuto assicurazioni in regione circa la bontà del suo piano che avrebbe derogato in tutto al decreto commissariale 49".

Valiante aggiunge: "Tanto l'Arsan, l'agenzia regionale per la sanità, quanto Caldoro hanno richiesto sostanziali modifiche al piano attuativo dell'Asl di Salerno confermando completamente il contenuto del decreto n. 49/2010 con l'unica modifica dell'assorbimento dell'ospedale di Agropoli nella struttura unica della Valle del Sele. Il piano dovrà essere clamorosamente corretto ed adeguato con revisione del numero dei posti letto degli ospedali di Polla, Sant'Arsenio, Sarno e Vallo della Lucania, con rivisitazione delle strutture complesse, dell'emergenza, del piano della mobilità e della riorganizzazione dei distretti sanitari".

Il consigliere regionale salernitano del Pd muove quindi una critica alla gestione della sanità in provincia di Salerno: "Vorremmo comprendere - incalza Valiante - anche il tanto sbandierato equilibrio di bilancio: ci risultano inevasi debiti per centinaia di migliaia di Euro. Il nostro invito ai vertici dell'Asl è quello di far chiarezza una buona volta sui dichiarati temi, perché tutti hanno diritto di conoscere della sanità salernitana. E ci aspettiamo anche che il Commissario si attivi immediatamente per garantire il pagamento degli stipendi ai dipendenti dell'Asl. Come emerge chiaramente, i primi inadempienti, ancora una volta, sono la regione Campania e l'Asl di Salerno. Ad essi la responsabilità esclusiva dell'infinito caos della sanità salernitana".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento