menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

De Luca: "Bisogna lavorare perchè la Campania non sia più ultima"

Nel corso dell'ultima giornata de "La terra delle idee", Vincenzo De Luca, candidato alle primarie del centro sinistra per le prossime elezioni regionali, ha parlato di Sanità, Terra dei fuochi e degli altri punti della sua campagna elettorale

Nel corso dell'ultima giornata de La terra delle idee, Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno e candidato alle primarie del centro sinistra per le prossime elezioni regionali, ha spiegato quelli che sono i punti fondamentali della sua campagna elettorale. "La nostra regione ha accumulato numerosi primati negativi  e dobbiamo diventare la regione della speranza ragionata che nasce dal cambiamento - ha esordito De Luca - Abbiamo creato un programma di governo serio attorno al quale c'è entusiasmo e partecipazione della società civile, del mondo giovanile, degli intellettuali e degli imprenditori. Al centro del nostro programma ci sono il lavoro, la necessità di creare ricchezza e di mobilitare risorse. Queste  dovranno essere la nostra ossessione nei prossimi anni perche’ con sette miliardi di euro di fondi europei si possono fare cose eccezionali. Dobbiamo passare dall'ordinaria amministrazione e dalla palude burocratica a una regione che sia motore di sviluppo, totalmente sburocratizzata e in grado di dare respiro all'imprenditoria per creare lavoro per le migliaia di giovani ancora oggi costretti a emigrare all'estero".

Il sindaco di Salerno ha poi parlato anche di Sanità e rifiuti. "Sentiamo parlare di obbiettivi raggiunti, ma i pronto soccorso sono campi di battaglia con pochissimi medici. Viviamo in una regione dove ad ogni ottobre l'assistenza si interrompe per il raggiungimento dei limiti di spesa. Nella Terra dei fuochi ci sono già stato ed ho impegnato la mia parola d'onore che nell'arco di una consiliatura questo problema sarà risolto - ha promesso - Farò, poi, al Governo una domanda: questa terra è da considerarsi perduta o decidiamo di salvarla? Nel caso in cui si voglia salvarla c'è bisogno di un piano nazionale, da soli non possiamo farcela. Qui, oggi, ci sono persone libere, oltre le connotazioni politiche ed unite dalla volontà di far rinascere la Campania. Ci vogliono, però, umiltà e determinazione politica. Il mio obbiettivo è che la Campania non sia più ultima nel reddito pro capite, nel numero degli occupati, nei livelli essenziali di assistenza in ambito sanitario, nel trasporto pubblico, nell’utilizzo dei fondi europei" ha concluso De Luca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento