Dichiarazioni dell'assessore Mauro Miano sulle castagne

Nota dell'amministrazione provinciale di Salerno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

L’assessore provinciale all’Agricoltura, Mario Miano, ha partecipato alla riunione del "Tavolo di filiera frutta in guscio - sezione castagne", che si è svolta venerdì 24 giugno presso la Sala "Cavour" del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per discutere le linee operative di intervento per fronteggiare l'emergenza causata dal "Cinipide del castagno". Al tavolo romano hanno partecipato rappresentanti del Ministero, insieme con esponenti delle Regioni, delle Amministrazioni provinciali e comunali e delle Associazioni di categoria. «La provincia di Salerno rappresenta il 50% della produzione castanicola regionale- sottolinea Miano- con ottanta comuni coinvolti, duemila imprese presenti sul territorio e circa quindicimila addetti ai lavori. Numeri che ci portano a rivendicare una adeguata attenzione al nostro territorio interessato dall’emergenza fitosanitaria del cinipide galligeno, alla pari delle altre Regioni del nord Italia». «Per combattere tale emergenza- aggiunge- ho invitato il Ministro Romano all’acquisto unico, per tutto il territorio nazionale, dell’antagonista naturale del cinipide galligeno e ad una distribuzione dello stesso in ragione delle percentuali di produzioni dei singoli territori regionali. La Provincia di Salerno ha richiesto, inoltre, il riconoscimento dello stato di calamità e l’esclusione del settore castanicolo dal piano assicurativo nazionale, per raggiungere l’obiettivo di sgravi contributivi in favore delle imprese del territorio». «Ultimo punto affrontato- ha concluso Miano- è stato quello relativo all’implementazione di biofabbriche in loco di pre-moltiplicazione del Torymus sinensis, l'antagonista naturale del cinipide galligeno del castagno, al fine di dar vita ad un’attività di lotta biologica all’insetto». Nel corso della riunione sono state illustrate e discusse le linee operative di intervento del Ministero per fronteggiare l'emergenza causata dal "Cinipide del castagno". I partecipanti al tavolo tecnico, tra cui l’assessore all’agricoltura della Regione Campania, Vito Amendolara, hanno ribadito ai rappresentanti del Ministero l'urgenza di una immediata disponibilità delle risorse da mettere in campo per far fronte all'emergenza, oltre ad un coinvolgimento di tutte le Regioni interessate dal problema. Dal Ministero è arrivata la conferma dell'intenzione, oltre alle risorse già disponibili, di destinare altri finanziamenti per contrastare l'emergenza, oltre alla necessità di avviare un'azione sempre più sinergica con le realtà locali, attraverso il coordinamento di un tavolo tecnico permanente tra le parti.

Torna su
SalernoToday è in caricamento