menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La diretta con i tre parlamentari salernitani

La diretta con i tre parlamentari salernitani

Elezioni comunali a Salerno, 4 liste con il candidato sindaco del M5S

I nomi dei componenti, al momento, restano top secret, ma non si esclude che il candidato sindaco possa essere un parlamentare pentastellato

Sono già pronte quattro liste che si misureranno alle elezioni amministrative di Salerno della primavera del prossimo anno con il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle. I nomi dei componenti, al momento, restano top secret, ma non si esclude che il candidato sindaco possa essere un parlamentare pentastellato.

Lo scenario politico 

Il Movimento prova a giocare d'anticipo con programmi già predisposti per strappare la guida del capoluogo di provincia campano, considerato fortino del governatore Vincenzo De Luca, alla coalizione di centrosinistra e all'attuale sindaco Vincenzo Napoli che, nei giorni scorsi, non ha escluso una propria ricandidatura. Accanto alla lista del Movimento, che comprenderà attivisti e persone che hanno già fatto un percorso al suo interno, nella coalizione grillina, ce ne sono altre tre che hanno raggiunto già un numero minimo di candidati: Liberiamo SalernoSalerno Bene ComuneSalerno 4.0. E sono state presentate, stamane, nel corso di una conferenza stampa online dai portavoce Angelo Tofalo, Nicola Provenza e Andrea Cioffi.

I parlamentari in campo 

"Sono emozionato - dice il sottosegretario Tofalo - perchè, per dieci anni, il Movimento Cinque Stelle, per le sue regolette, era costretto ad andare da solo e, spesso, avevamo richieste di persone che volevano metterci la faccia, volevano partecipare, ma i posti erano limitati. Ora, da mesi, abbiamo cercato di aggregare sempre più persone su battaglie civiche e su tante altre progettualità". Quanto alle liste, spiega che Salerno 4.0, al suo interno, "vede insieme società civile, tecnici, professionisti, qualche docente, imprenditori del tessuto salernitano"; in Liberiamo Salerno "ci sono persone che erano li' ad attendere qualcosa di nuovo, che avevano voglia di partecipare e che, magari, non avevano avuto mai il coraggio di metterci la faccia, e oggi stanno emergendo"; Salerno Bene Comune, invece, "è quella lista che caratterizza un percorso di chi ha fatto battaglie sul territorio per l'acqua pubblica, mobilità, eccetera". "L'obiettivo - rimarca il componente dell'Esecutivo - è uscire da una narrativa stanca e obsoleta che ascoltiamo da oltre vent'anni a Salerno e far capire che c’è la possibilità di realizzare concretamente un progetto nuovo". Le amministrative di Salerno saranno un momento di "rinascita e di cambio di registro importante", dice. Per Provenza, "c’è la possibilita' che il M5s possa creare le condizioni, questa volta a Salerno, per un patto civico ampio, largo che possa tenere dentro tutte le forze salernitane che vogliano mirare a degli obiettivi". Ricordando la campagna elettorale del 2011 che "fu entusiasmante", Cioffi sottolinea che "dopo dieci anni abbiamo ancora quell'entusiasmo di volere provare ad avere un qualcosa che non sia l'uomo solo al comando che è antitetico rispetto alla concezione mentale, culturale, programmatica del Movimento Cinque Stelle". 

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento