rotate-mobile
Politica Scafati

Elezioni amministrative 2023, venti comuni scelgono il sindaco: ecco dove e come si vota

Si potrà votare domenica 14 maggio dalle ore 7 alle 23 e lunedì 15 maggio dalle 7 alle 15. Solo a Campagna, Pontecagnano Faiano e Scafati c'è la possibilità del ballottaggio

Sono venti i Comuni della provincia di Salerno chiamati al voto domenica 14 e lunedì 15 maggio per le elezioni dei sindaci e il rinnovo dei consigli comunali. Soltanto tre (Campagna, Pontecagnano Faiano e Scafati), però, quelli con più di 15mila abitanti dove, eventualmente, si potrà tornare a votare per il ballottaggio (in caso di mancata elezione del sindaco al primo turno) il 28 e 29 maggio.

I Comuni dove si vota

I Comuni chiamati al voto sono venti: Aquara, Atena Lucana, Calvanico, Campagna, Castelcivita, Giungano, Laviano,Montecorvino Rovella, Novi Velia, Ogliastro Cilento, Olevano sul Tusciano, Pellezzano, Perito, Pontecagnano Faiano, Roccagloriosa, Romagnano al Monte, San Gregorio Magno,San Mango Piemonte, Scafati e Scala.

Orario seggi e documenti da portare al seggio

Si potrà votare domenica 14 maggio dalle ore 7 alle 23 e lunedì 15 maggio dalle 7 alle 15. L’elettore deve presentarsi ai seggi munito di tessera elettorale e documento d’identità. Sulla tessera sono indicati il seggio, il numero e la sede della sezione a cui si è assegnati, il collegio e la circoscrizione di appartenenza.  

Come si vota nei comuni fino a 15 mila abitanti

Nei comuni meno popolosi inferiori a 15 mila abitanti il sindaco viene eletto, con un sistema maggioritario, in un turno unico: vince chi ottiene il maggior numeri di voti (un secondo turno è previsto solo in caso di parità di voti). Se presente una sola lista, sono eletti tutti i candidati alla carica di consigliere e il candidato sindaco collegato, a patto che la lista sia stata votata da almeno il 50% dei votanti e che sia andato a votare almeno il 40% degli elettori. Non è possibile il voto disgiunto.  Sulla scheda elettorale si può tracciare una X sul nome del candidato scelto o sul simbolo della lista elettorale. Si può anche solamente esprimere una preferenza per il consiglio comunale, e questo viene considerato in automatico un voto per il candidato sindaco collegato a quel consigliere.

Come si vota nei comuni superiori a 15 mila abitanti

Per i Comuni al di sopra del 15.000 abitanti (poco meno di 900 quelli chiamati alle urne) si prevede la possibilità di un turno di ballottaggio tra i candidati sindaci, qualora nessuno di essi ottenga la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50%+1). Nei Comuni più grandi è consentito il voto disgiunto: l’elettore potrà decidere di votare un candidato sindaco e una lista non collegata. Potrà anche votare il sindaco e la lista collegata. Oppure potrà votare soltanto il sindaco. Il candidato che ha ricevuto più preferenze è eletto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni amministrative 2023, venti comuni scelgono il sindaco: ecco dove e come si vota

SalernoToday è in caricamento