Politica

Elezioni a Salerno, Peduto (Lega) si dimette: "Torno a fare il militante, si dia spazio ad altri"

Il coordinatore cittadino annuncia il suo passo indietro dopo i alla luce del risultato ottenuto dal partito che ha rieletto al consiglio comunale l'uscente Dante Santoro

“Mi fermo qui”. Così il coordinatore cittadino della Lega Rosario Peduto annuncia le sue dimissioni alla luce del risultato ottenuto alle elezioni comunali di Salerno. Il partito di Salvini, presentatosi con la lista civica Prima Salerno, ha ottenuto il 2,72 (%) di preferenze – arrivano dietro a Fratelli d’Italia (4,75%) e Forza Italia (2,79%) – rieleggendo il consigliere comunale uscente Dante Santoro

L’annuncio di Peduto: 

"Come avevo promesso a me stesso, alla mia famiglia ed alla mia comunità politica, rimetto nelle mani dei miei dirigenti - che ringrazio per la fiducia ed il sostegno sempre dimostrato - il mio ruolo di guida del partito nella città di Salerno. lo faccio per ragioni personali ma anche perche', difronte ad una sconfitta elettorale di così ampie proporzioni, ci sia lo spazio necessario delle riflessioni e del ricambio da uomo di partito, mi assumo ogni responsabilità difronte a quanto poteva essere e non è stato. E se l' obiettivo di una rappresentanza nel prossimo consiglio comunale è stato comunque raggiunto, questo lo si deve unicamente ai trentadue "eroi" della lista Prima Salerno che, contro tutto e tutti, hanno fatto - pancia a terra e con encomiabile entusiasmo - quel consenso utile ad avere un consigliere comunale di opposizione per i prossimi cinque anni. Per questo li abbraccio e vado, grazie a loro, senza amarezza ma pieno di riconoscenza, a riprendere posto fra i militanti dell'idea e della riflessione politica, lasciando a chi ha dimostrato di essere uomo o donna di azione e di consenso, l' opportunità di guidare questa splendida comunità verso nuovi traguardi”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Salerno, Peduto (Lega) si dimette: "Torno a fare il militante, si dia spazio ad altri"

SalernoToday è in caricamento