Politica

Elezioni a Salerno, 630 voti ma Memoli sfiora l'elezione: "Sono un perdente di successo e ne vado fiero"

Nonostante il grande risultato raggiunto le preferenze espresse non sono sufficienti per garantire al giovane, attualmente in forze presso il Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl Salerno, un posto nel Consiglio Comunale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Gli oltre 600 voti non bastano a Gianluca Memoli: nonostante il grande risultato raggiunto le preferenze espresse non sono sufficienti per garantire al giovane, attualmente in forze presso il Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl Salerno, un posto nel Consiglio Comunale.La città campana è andata al voto con nove candidati sindaci, 31 liste e 960 aspiranti consiglieri. A scegliere il sindaco uscente di centrosinistra Vincenzo Napoli,riconfermato al primo turno, sono stati il 63,19% degli elettori: questa la percentuale dell'affluenza alle urne, più bassa di circa 5 punti rispetto a cinque anni fa. «Sono un perdente di successo e ne vado fiero! Con 630 preferenze archivio quest’esperienza nella consapevolezza che la collettività mi ha premiato e a suo modo scelto. Questi numeri, che non sono pochi, si traducono in voti del cuore e a ognuno di voi non posso che dire grazie. Grazie alla collettività salernitana per il sostegno: continuerò ad immaginare il futuro della città da un’altra prospettiva», dice Memoli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Salerno, 630 voti ma Memoli sfiora l'elezione: "Sono un perdente di successo e ne vado fiero"

SalernoToday è in caricamento