rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

Elezioni a Salerno: le tre opzioni sul tavolo della Lega, Pierro vede Grant

Ieri sera summit con il coordinatore cittadino Peduto, nel corso del quale il consigliere comunale Santoro ha confermato la sua disponibilità a candidarsi alla carica di sindaco. L'alternativa è andare in coalizione con Sarno (civico già sostenuto da Fratelli d'Italia) o Tedesco (civico già appoggiato dai dissidenti di centrosinistra e dall'Udc)

Questione di giorni, forse di ore, per sapere quale sarà la collocazione della Lega alle prossime elezioni comunali di Salerno. Oggi, infatti, è atteso un faccia a faccia tra il coordinatore regionale Valentino Grant e il coordinatore provinciale Attilio Pierro per fare il punto della situazione. 

Lo scenario 

Tre le opzioni sul tavolo: correre da soli con la candidatura a sindaco del consigliere comunale Dante Santoro; appoggiare la corsa dell’avvocato penalista Michele Tedesco (già appoggiato dai consiglieri dissidenti di centrosinistra del gruppo Oltre, dall’Udc e dal'area liberal socialista di Forza Italia) oppure raggiungere un accordo programmatico e politico con il presidente emerito della Camera Penale Michele Sarno, già sostenuto da cinque liste civiche e da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.  

Il summit

Intanto, ieri sera, riunione nella sede di Salerno convocata dal coordinatore cittadino Rosario Peduto. Presenti, tra gli altri, Santoro (che ha ribadito la sua disponibilità a candidarsi a sindaco) e, tra gli altri, i dirigenti Matteo Cucino, Luigi Cerciello, Enzo Musto e Pietro Abate. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Salerno: le tre opzioni sul tavolo della Lega, Pierro vede Grant

SalernoToday è in caricamento