rotate-mobile
Politica Serre

Comune di Serre, anomalie nella sezione 2. Il Tar: "Si torni a votare"

Parzialmente accolto, dunque, il ricorso presentato dal candidato sindaco Palmiro Cornetta nei confronti del sindaco eletto per poche decine di voti Antonio Opromolla

Il Comune di Serre torna al voto, salvo diversa indicazione del Consiglio di Stato, tra due mesi ma solo nella sezione numero 2 dove i magistrati del Tar di Salerno, dopo una accorta relazione dei dirigenti della Prefettura di Salerno, hanno verificato alcune irregolarità. Parzialmente accolto, dunque, il ricorso presentato dal candidato sindaco Palmiro Cornetta nei confronti del sindaco eletto per poche decine di voti Antonio Opromolla. Da quest’ultimo ci si aspettava la presentazione di un ricorso al Consiglio di Stato ma, in una lettera pubblicata su Facebook, il primo cittadino smentisce.

La lettera di Opromolla

Cari Concittadini,

è con grande serenità che io e l’intera Amministrazione Comunale accettiamo la decisione dei giudici del Tar di Salerno che, ravvisando delle anomalie presso la Sezione 2, hanno disposto che i cittadini tornino al voto esclusivamente in quella Sezione. Ribadiamo, con forza e convinzione, la nostra più assoluta estraneità rispetto alle anomalie riscontrate e rispettiamo le decisioni della magistratura in cui riponiamo, da sempre, massima fiducia. Non faremo alcun ricorso al Consiglio di Stato perché crediamo fermamente nella sovranità del popolo. Abbiamo subíto, purtroppo, le conseguenze dell’operato “inadeguato” da parte di chi ha seguito le operazioni di voto nella Sezione 2 tant’è che, come teniamo a ribadire, dalle risultanze istruttorie espletate emerge, senza ombra di dubbio, che il collegio giudicante fa riferimento solo ed esclusivamente all’operato dell’organo che deve presiedere e dirigere le operazioni di seggio, rilevando “madornali”, diciamo così, errori di conteggio e mancanti verifiche preliminari.Insomma, i conti non tornano per me e per la mia squadra, costretta a subire le conseguenze di un operato che ci delude e che crea condizioni di danno per l’intero paese bloccando l’azione e l’attività amministrativa che si stavano portando avanti. Siamo, dunque, la parte lesa e abbiamo la coscienza pulita.  Pertanto, senza perdere la carica e l'entusiasmo che ci hanno sempre accompagnati, ci prepariamo a questa “seconda campagna elettorale” certi che il popolo saprà decidere al meglio confermando chi in questi mesi ha dato dimostrazione di lavorare concretamente e con il cuore per Serre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Serre, anomalie nella sezione 2. Il Tar: "Si torni a votare"

SalernoToday è in caricamento