menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni comunali 2012: come funziona il voto disgiunto

Ventotto i comuni in provincia di Salerno, tre quelli superiori ai 15mila abitanti nei quali si applica il voto disgiunto

Il voto disgiunto è la possibilità, per l'elettore, di votare un candidato sindaco di uno schieramento e una lista che supporta un altro candidato sindaco. Il meccanismo del voto disgiunto si applica solamente ai comuni superiori ai 15mila abitanti: nel caso della provincia di Salerno, in occasione delle elezioni comunali del 6 e 7 maggio 2012, sono tre i comuni ai quali si applica il voto disgiunto: Nocera Inferiore, Agropoli, Capaccio. Nel caso di questi tre comuni, quindi, l'elettore ha quattro possibilità:

- votare una delle liste tracciando un segno sul relativo simbolo (in questa maniera il voto va al candidato sindaco supportato da quella lista);

- votare un candidato sindaco tracciando un segno sul relativo rettangolo, senza scegliere alcuna lista collegata (il voto va ovviamente al candidato sindaco scelto);

- votare un candidato sindaco tracciando un segno sul relativo rettangolo e una delle liste collegate tracciando un segno sul relativo simbolo;

- votare un candidato sindaco tracciando un segno sul relativo rettangolo e una delle liste non collegate a quel candidato, tracciando un segno sul relativo simbolo.

La quarta opzione illustrata rappresenta appunto il voto disgiunto, che interesserà le amministrazioni comunali di Nocera Inferiore, Agropoli e Capaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento