Elezioni

Pontecagnano Faiano, elezioni comunali 2013: le mosse dei partiti

Solamente il partito democratico ha espresso il candidato per la corsa a sindaco: è il giovane Giuseppe Lanzara. Negli schieramenti si lavora in vista della tornata elettorale

Il comune di Pontecagnano Faiano

Attività politica in gran fermento a Pontecagnano Faiano in vista delle elezioni amministrative che si terranno nel 2013: il quinquiennio amministrativo di Ernesto Sica (il secondo, dopo quello 2000-2005) si avvia alla conclusione e numerosi soggetti politici, a sinistra, centro e destra, hanno iniziato a lavorare in vista dell'appuntamento elettorale del primo comune a Sud della città di Salerno.

IL PD HA IL SUO CANDIDATO - Il partito democratico, partito di opposizione in consiglio comunale, dove è presente con tre consiglieri, ha scelto il suo candidato per la carica di sindaco: è Giuseppe Lanzara, 30 anni, già consigliere comunale durante la breve amministrazione Del Gais (2005-2007) ed attualmente consigliere comunale del Pd. La scelta di Lanzara evidenzia la volontà del Pd di proseguire nel rinnovamento attraverso la linea giovanile: il segretario cittadino, Roberto Brusa, ha infatti 31 anni ed il gruppo Giovani Democratici di Pontecagnano Faiano è tra i più attivi della provincia di Salerno. I democratici hanno quindi aperto il confronto con le altre forze di centro - sinistra della città e con tutti i soggetti del territorio (associazioni, privati cittadini et c.) allo scopo di costruire una coalizione per le prossime elezioni.

ALLEANZE DI CENTRO SINISTRA - La candidatura di Lanzara è stata condivisa dal locale circolo di Sinistra Ecologia e Libertà, coordinato da Carlo Naddeo, già presidente del consiglio comunale. Dell'alleanza di centro sinistra potrebbe entrare a far parte anche la costituente Verdi Ecologisti, coordinata dal già consigliere provinciale Enzo Botta, così come anche Alleanza per l'Italia, coordinata da Francesco Vicedomini. Non si esclude inoltre la presenza di liste civiche all'interno dello schieramento di centro - sinistra: ce ne saranno almeno tre.

IDV - Il locale circolo di Idv, coordinato da Luciano De Vita, diverse volte si è espresso in maniera critica nei confronti dell'attuale amministrazione di centro destra guidata dal sindaco Ernesto Sica. Proprio all'Idv, così come a Movimento Cinque Stelle, si è rivolto il Pd per la costituzione di un'alleanza alternativa ad Ernesto Sica. Al momento però non ci sono sviluppi circa una eventuale alleanza tra Pd e Idv.

MOVIMENTO CINQUE STELLE - Alleanza che invece non ci sarà per quanto riguarda il Movimento Cinque Stelle: i "grillini" a Pontecagnano Faiano andranno da soli, senza coalizioni o alleanze, esprimendo un candidato sindaco autonomo, così come fatto a Salerno nel 2011 e a Nocera Inferiore nella tornata elettorale del 2012. Per Pontecagnano Faiano il candidato sindaco non è stato ancora ufficializzato, ma di certo i grillini correranno da soli.

QUI CENTRO DESTRA - Grandi manovre anche nel centro destra: il sindaco di Pontecagnano Faiano Ernesto Sica sarebbe pronto a costituire un cartello di liste civiche abbandonando il simbolo del Pdl, partito nel quale milita. Senza, però, fuoriuscire dal partito: il simbolo sarebbe abbandonato solamente per le elezioni amministrative. La scelta "civica" di Sica troverebbe l'appoggio del movimento giovanile salernitano - Impegno sociale, che in una nota nei giorni scorsi ha manifestato la volontà di esprimere candidature al consiglio comunale in vista della prossima tornata elettorale picentina. In una eventuale alleanza con Ernesto Sica, solamente però senza il simbolo del Pdl: questa la condizione posta da Impegno sociale. Sica, in una nota diramata successivamente, si è detto pronto a costituire un polo civico ispirato ai principi del riformismo liberale.

AL CENTRO, IL MOVIMENTO CIVICO LIBERALE - Movimento civico liberale Habeas corpus è il primo soggetto "civico" nato nella corsa a palazzo di Città: fondato nei mesi scorsi da Antonio Citro (ex Udeur e ex Pdl) e Pasquale Lamberti (ex assessore al bilancio della giunta Sica). Come riferito dallo stesso Citro, il movimento ha intenzione di esprimere un proprio candidato sindaco.

UDC, LA SPACCATURA - Il gruppo consiliare dell'Udc si è invece spaccato, nei mesi scorsi, dopo la decisione dell'attuale segretario cittadino Nicola Sconza di uscire dalla giunta Sica, dove ricopriva la delega all'urbanistica. Se l'ex capogruppo Adriano Montemurro aveva appoggiato la linea Sconza, così non è stato per Franco Angelo Aucello: il consigliere comunale si è infatti dichiarato autonomo all'interno dell'Udc sancendo la spaccatura del gruppo consiliare unico. Se però da una parte Aucello conferma l'appoggio a Sica, dall'altra non nasconde di apprezzare la scelta del Pd per quanto riguarda la candidatura di Giuseppe Lanzara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontecagnano Faiano, elezioni comunali 2013: le mosse dei partiti

SalernoToday è in caricamento