menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ernesto Sica e Giuseppe Lanzara

Ernesto Sica e Giuseppe Lanzara

Elezioni 2013, a Pontecagnano Faiano ballottaggio Sica - Lanzara

Il candidato sindaco del centro sinistra incassa il sostegno di Antonio Anastasio e Lucia Zoccoli e precisa: "Nessun apparentamento". Non si schierano gli altri candidati

Sono giorni di grande fermento a Pontecagnano Faiano in vista del ballottaggio in programma il 9 e 10 giugno, ballottaggio che deciderà chi sarà il nuovo sindaco della città picentina tra Giuseppe Lanzara ed Ernesto Sica. Il candidato sindaco del centro sinistra, nei giorni scorsi, ha ottenuto il sostegno, in vista del turno elettorale, di Antonio Anastasio e Lucia Zoccoli. Il primo, candidato alla carica di sindaco con Fratelli d'Italia, La Destra e Ponte Nostro, sarà in consiglio comunale mentre Lucia Zoccoli, candidata alla carica di sindaco con il Nuovo Psi, non ha ottenuto seggi nell'assise cittadina, per la composizione della quale sarà in ogni caso necessario attendere l'esito del secondo turno.

LA CONFERENZA STAMPA - Nel corso di una conferenza stampa tenutasi lunedì mattina il candidato sindaco del centro sinistra Giuseppe Lanzara, chiarendo il concetto "nessun apparentamento", si è rivolto ai candidati sindaco che non sono giunti al ballottaggio elogiandone "la scelta di coraggio per essersi candidati e per non aver accettato la candidatura di Ernesto Sica" e ha rivolto loro un "appello d'umiltà" per ottenere la vittoria al secondo turno. "Mi rivolgo a tutti, ai candidati sindaco, agli elettori che si sono astenuti al primo turno, agli elettori che al primo turno hanno votato per Sica o per le liste di Sica. Abbiamo la possibilità di eleggere un sindaco istituzionale, con gli altri candidati sindaco (Antonio Anastasio, Lucia Zoccoli, Giuliana Moscati, Francesco Vicedomini e Agata Bisogno) abbiamo similarità nei programmi elettorali".

Lanzara ha quindi parlato della "filiera istituzionale", un tema molto dibattuto nel corso della campagna elettorale: "Ripeto, Pontecagnano Faiano può eleggere un sindaco istituzionale, io sarò il sindaco di tutti e avrò rapporti con tutti: dovremo riallacciare i rapporti con gli enti sovra comunali ossia Provincia, Regione e gli altri perché in questo momento Pontecagnano Faiano è isolata". Lanzara ha snocciolato una serie di nomi quali interlocutori istituzionali: "Penso al viceministro dei trasporti Vincenzo De Luca, ai consiglieri provinciali Paolo Russomando (che era presente in sala, ndr) e Antonio Anastasio, penso al presidente della Regione Stefano Caldoro, penso ai parlamentari di riferimento del territorio".

ANASTASIO: SOSTERREMO LANZARA - Nelle ore successive alla conferenza stampa di Giuseppe Lanzara il candidato sindaco Antonio Anastasio, in una nota, ha affermato che la sua coalizione, al ballottaggio, sosterrà Giuseppe Lanzara: "Giuseppe Lanzara vuole fare politica. La nostra coalizione, composta da Fratelli d’Italia, La Destra e Ponte Nostro, intende riportare la politica a Pontecagnano Faiano ed intendiamo porci come il vero centro destra a Pontecagnano Faiano. Noi vogliamo fare politica e stiamo con chi fa politica: siccome la politica la sta facendo Giuseppe Lanzara, noi saremo a supporto – anche in consiglio comunale – di chi vuole fare la politica, nell’interesse esclusivo della comunità". Nessun apparentamento ufficiale, come spiegato dallo stesso Anastasio, ma sostegno al ballottaggio. Anastasio ha spiegato di aver "rifiutato l'apparentamento ufficiale propostogli da Ernesto Sica". Una dichiarazione però smentita dallo stesso primo cittadino uscente, che in una nota ha dichiarato che "l'unica alleanza che faremo sarà quella con i cittadini".

LUCIA ZOCCOLI PER LANZARA - Successivamente anche Lucia Zoccoli, candidata "sindaca" del Nuovo Psi, ha deciso di sostenere Giuseppe Lanzara al ballottaggio: "Condividiamo l'analisi fatta da Giuseppe Lanzara circa una Pontecagnano Faiano isolata e in merito alla similarità dei programmi elettorali. A Pontecagnano Faiano, a mio avviso, c'è stato un corto circuito elettorale in quanto il partito più votato in città alle politiche di febbraio, ossia il Pdl, non ha corso alle elezioni e non ha concesso il simbolo al candidato Ernesto Sica: un motivo ci sarà. Noi del Nuovo Psi al ballottaggio sosterremo Giuseppe Lanzara".

ERNESTO SICA: ALLEATO SOLO CON I CITTADINI - Il candidato sindaco Ernesto Sica, in una nota, ha dichiarato di non aver chiesto "apparentamenti a nessuno". Ha quindi aggiunto: "I nostri unici e più grandi alleati sono e saranno sempre i cittadini. La nostra è un'alleanza alla luce del sole". Il sindaco uscente ha quindi dichiarato di voler andare avanti "per completare il programma".

CHI NON SI "SCHIERA" - Hanno scelto di far decidere gli elettori "secondo coscienza" i tre candidati sindaco Agata Bisogno (Uomini liberi per Pontecagnano Faiano e Giovani impegnati per la città), Giuliana Moscati (Movimento Cinque Stelle) e Francesco Vicedomini (Gruppo autonomo picentino).

SEL - Sel, già nella coalizione di Giuseppe Lanzara, ha esortato gli elettori, in una nota, ad andare a votare al ballottaggio: se Giuseppe Lanzara dovesse vincere il partito di Vendola entrerà in consiglio comunale.

Il 9 e 10 giugno Pontecagnano Faiano torna quindi alle urne: Ernesto Sica, al primo turno, ha ottenuto il 46% dei consensi personali (49% le sue liste) mentre Giuseppe Lanzara ha ottenuto il 32% (le sue liste il 26%). Il ballottaggio deciderà chi dei due sarà il nuovo sindaco di Pontecagnano Faiano. Per conoscere la composizione del consiglio comunale, come da normativa, sarà necessario attendere il responso delle urne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento