menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldoro contro De Luca: "Perchè vuole chiudere gli ospedali da noi riaperti?"

Fortunato guida la rivolta dei sindaci: "La sinistra resti a casa. Faccia fare a noi, siamo quelli che hanno risanato e rilanciato le strutture. Salveremo anche Agropoli"

Affondo del presidente Stefano Caldoro contro il candidato governatore del Pd Vincenzo De Luca sulla Sanità: “Vuole chiudere sette ospedali che noi abbiamo riaperto, vuole eliminare 1000 posti letto. Cambi il programma presentato, è sconvolgente”. Poi il governatore spiega i motivi della sua critica: “De Luca vuole riprendere il decreto 49, quello che chiudeva le strutture. Scrive il suo programma chi scrisse quel piano. Chiedono che si chiuda Torre del Greco, Cava de' Tirreni, Scafati, Roccadaspide, Oliveto Citra, Maddaloni e Loreto Mare, il ridimensionamento di molti altri. Questa è la proposta che fa il centrosinistra: via mille posti letto e la chiusura di sette ospedali un atto contro i campani. Noi ci siamo battuti per correggere i conti e, recuperata credibilità, abbiamo potuto chiedere a Roma la riapertura dei pronto soccorsi in questi ospedali e loro chiedono di chiuderli. È un ritorno al passato, agli anni bui della nostra sanità” tuona il governatore campano.

Pronta alla rivolta il consigliere regionale cilentano Giovanni Fortunato: “Guiderò la rivolta dei sindaci contro De Luca e la sua folle idea di rimettere in campo i Zuccatelli vari. Vogliono chiudere le strutture, gli ospedali, e regalare posti letto al nord. Lo hanno fatto nel 2009 e ci vogliono riporovare. Il candidato della sinistra e chi ha fatto danni stiano a casa. Faccia fare a noi, siamo quelli che hanno risanato e rilanciato le strutture. Salveremo anche Agropoli”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento