menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Saviano

Roberto Saviano

Pd, la denuncia di Saviano: "Nelle liste di De Luca c'è Gomorra"

Lo scrittore anticamorra lancia l'allarme dopo aver letto le liste elettorali del centrosinistra. Pieno appoggio da Vendola, ma l'ex sindaco replica: "Vada in Procura"

Dopo aver letto le liste elettorali lo scrittore anticamorra Roberto Saviano scende prepotentemente in campo in vista delle elezioni regionali del 31 maggio. “Nel Pd e nelle liste c’è tutto il sistema di Gomorra, indipendentemente se ci sono o meno le volontà dei boss” denuncia lo scrittore anticamorra in un’intervista all’Huffington Post prendendo di mira il candidato governatore del centrosinistra. “Le liste di De Luca  - spiega - non sono affatto liste con nomi nuovi e in nessun caso trasformano il modo di fare politica in Campania. Direi che ricalcano le solite vecchie logiche di clientele”.

Poi aggiunge: “E non c’è niente da fare. E’ sempre stato questo e questo sarà: le liste si fanno su chi è in grado di portare pacchetti di voti. Il Pd nel Sud Italia non ha avuto alcuna intenzione di interrompere una tradizione consolidata. E cioè alla politica ci si rivolge per ottenere diritti: il lavoro, un posto in ospedale. Il diritto non esiste. Il diritto si ottiene mediando: io ti do il voto, in cambio ricevo un diritto. Il politico non dà visioni, prospettive, percorsi, ma dà opportunità in cambio di consenso. E De Luca, in questo, è uno che ci sa fare”. Per Saviano “la politica dovrebbe essere tutt’altro. Dovrebbe ottenere consenso in cambio di trasformazioni complesse e complessive della società. Invece dando il proprio voto l’elettore rinuncia a chiedere progetto e trasformazione in cambio di una e una sola cosa”.

A dar man forte a Saviano ci pensa il leader di Sinistra e Libertà Nichi Vendola: “Ha ragione sulla lotta alle mafie nel Sud e su quello che accade nelle liste De Luca: non ci siamo. In Campania il trasformismo sta inquinando pesantemente la vita politica. Lo ripeto: Caldoro è il disastro del centrodestra di questi 5 anni, De Luca sta reclutando il peggio della destra, le seconde e terze file del cosentinismo, porta fascisti e altra gente che profuma di camorra. Serve uno scatto di orgoglio delle persone perbene per la politica pulita”. Il riferimento è ai candidati vicini all’ex sottosegretario forzista Nicola Cosentino, ora in carcere per associazione di stampo camorristico, che sarebbero stati inseriti in diverse liste di De Luca.

Ma quest’ultimo si difende. “E’ arrivato il momento di far vivere un principio di civiltà: né mezze parole, né frasi generiche, ma nomi, cognomi, fatti e denunce precise alla Procura della Repubblica” replica De Luca. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Segnalazioni

Degrado a Salerno: persone rovistano di notte nei rifiuti, la denuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento