menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Renzi e De Luca

Renzi e De Luca

Severino, Renzi difende l'ex sindaco di Salerno: "De Luca è candidabile e eleggibile"

De Luca: "Per i campani, il 31 maggio, una scelta semplicissima: cambiare finalmente le cose o passare altri 5 anni così. Guardando i numeri, possiamo ben chiamarlo Mister 10 miliardi di buco"

Prosegue, a due giorni dalle elezioni, l'infuocato dibattito sul caso De Luca. Con il candidato alla Presidenza della Campania, si schierano il ministro Boschi e, in tarda serata, anche il premier Renzi, ospite di Virus su Rai2: “La legge Severino è stata applicata due volte e in entrambi i casi i politici sono stati rimessi in ruolo. È normale che De Luca dica ‘se vinco avrò lo stesso trattamento’. De Luca è candidabile e eleggibile dopo di che sono i campani a dover decidere. De Luca è stato un sindaco di Salerno straordinario, se il sud fosse governato come Salerno ci sarebbe un pil tra lo 0,5 e 1 per cento", ha precisato il presidente del Consiglio. Sempre a Virus, Berlusconi ha ha detto: “Io sono un garantista e non ho detto una parola tra l’altro non lo conosco. Mi sono astenuto da ogni commento”.

Dal canto suo De Luca ha già chiarito che "il problema della Severino è superato perché la legge non è applicabile per chi viene eletto per la prima volta. Quindi non verrò sospeso". Lo stesso ex sindaco di Salerno, ieri ha stimato il "danno da malgoverno" del Presidente uscente in mezzo punto di PIL nazionale e 100.000 posti di lavoro perduti. E rilancia: "Per i campani, il 31 maggio, una scelta semplicissima: cambiare finalmente le cose o passare altri 5 anni così. Guardando i numeri, possiamo ben chiamarlo Mister 10 miliardi di buco". Il calcolo prende le mosse dai 3 miliardi di fondi europei non spesi "o spesi male, che determinano un danno enorme per tutta la popolazione, soprattutto i giovani e le fasce in difficoltà. I fondi strutturali - spiega De Luca - hanno infatti la funzione di creare sviluppo, attirando investimenti di altri capitali, con un effetto moltiplicatore in grado di lasciare valore aggiunto sul territorio". Proprio in virtù dell’effetto moltiplicatore mancato, "tre miliardi di fondi strutturali non spesi o spesi mali determinano uno spreco di 10 miliardi, che in termini di occupazione vuol dire qualcosa come 100.000 posti di lavoro. Conoscendo questi dati, nessuno potrà più stupirsi del fatto che una terra straordinaria come la Campania occupi sistematicamente l'ultimo posto della classifica italiana sull'occupazione". De Luca conclude con un richiamo alle parole del premier Matteo Renzi: "Il Presidente del Consiglio ha detto che, sulla base del lavoro svolto per la mia città, io valgo un punto percentuale di PIL in più per l'Italia. Da parte mia, io mi limito invece a misurare in termini di Prodotto Interno Lordo il danno generato dal Governatore uscente: Caldoro ha fatto un 'buco' che vale mezzo punto del PIL".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento