rotate-mobile
Politica

Emergenza sicurezza a Salerno, Acocella (Fi): "Il problema c'è e va risolto"

Dirigenti e militanti di Forza Italia hanno allestito un gazebo sul lungomare cittadino per ascoltare i cittadini e sensibilizzarsi sulla problematica che, alla luce degli ultimi episodi di cronaca, si starebbe aggravando

“Il problema della sicurezza c’è e va risolto. Punto”. E’ tranchant il commento di Vittorio Acocella, responsabile alla formazione e dirigente cittadino di Forza Italia, che, ieri, ha organizzato un gazebo sul lungomare di Salerno per ascoltare i cittadini e sensibilizzarli sulla problematica che, alla luce degli ultimi episodi di cronaca, si starebbe aggravando - secondo i fedelissimi di Berlusconi - anche per colpa della presenza sempre più numerosa di immigrati.

Il caso politico

Per militanti e dirigenti azzurri la colpa è di chi, come il centrosinistra, continua a favorire lo sbarco di migranti sulle coste salernitane. Di qui la critica nei confronti anche del governatore De Luca, che ha chiesto l’intervento di forze speciali. “Questa situazione - spiega Acocella - è la conseguenza delle politiche sbagliate del Pd su immigrazione e sicurezza. E De Luca, che invoca i corpi speciali, si ricorda che lui è un dirigente del Pd e che con i suoi voti contribuisce a favorire questo tipo di politiche?. Presenti al gazebo anche il senatore Enzo Fasano, il commissario cittadino e presidente provinciale Aniello Salzano, i tre vice coordinatori provinciali Gaetano Amatruda, Roberto Celano e Valentino Di Brizzi, la dirigente Sonia Senatore, la coordinatrice provinciale del movimento giovanile Adriana Volzone, il coordinatore di Vietri Davide Scermino e i militanti Gerardo Tafuri, Francesco Ienco, Maria Fortunato e Manuel Gatto.

Per il consigliere Celano “Salerno è da tempo un'anomalia Nazionale per la concentrazione di extracomunitari che vendono merce contraffatta sul lungomare. Anche all'epoca del sindacato di De Luca tale fenomeno era ricorrente e persistente, nonostante si fossero allestiti, con risorse pubbliche, spazi per i mercatini etnici. Il fenomeno si è poi accentuato per responsabilità delle nefaste politiche sull'immigrazione portate avanti dal Pd di Renzi e di De luca. Tutto ciò ha, dunque, precise responsabilità politiche locali e nazionali. Ci fa piacere che anche il governatore, esponente apicale del partito degli immigrati, seppure con intollerabile ritardo, oggi si sia accorto della necessità di interventi sinergici e massicci delle forze dell'ordine in una città che non è più sicura e non solo in virtù della presenza di extracomunitari che abusivamente smerciano prodotti contraffatti. Ognuno, pero', compresa l'Amministrazione comunale, sin da subito, faccia la sua parte. Si insedi sul lungomare un Presidio permanente delle forze di polizia, si chieda (e lo facciano il Sindaco al Governo del Pd!) immediatamente l'intervento delle forze speciali e, se necessario, dell'esercito, si monitorino e sistemino tutti gli strumenti di videosorveglianza, installando altre telecamere a circuito chiuso nelle zone più "sensibili" della città. Si riveda e manutenga correttamente un sistema di pubblica illuminazione, in talune zone fatiscente. Si decida di prevedere la presenza del vigile di quartiere, in particolare nelle zone periferiche, per la prevenzione dei reati. Ci auguriamo che per una volta ci ascoltino ed evitino poi i consueti e ripetitivi tentativi di rimbalzare responsabilità tra istituzioni tutte dello stesso colore politico”.

Gli fa eco Amatruda: “C’è un’emergenza vera che va affrontata con serietà e senza volgarità. Il Comune lavori per rafforzare la videosorveglianza. Si stimolino i privati, via Tasi ed Imu per chi investe in sicurezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza sicurezza a Salerno, Acocella (Fi): "Il problema c'è e va risolto"

SalernoToday è in caricamento