menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Marzotto, Amatruda: "Non si favorisca una speculazione edilizia"

Il vice coordinatore provinciale di Forza Italia interviene sulla riqualificazione dell'area che ospita l'ex fabbrica tessile del capoluogo

Dopo la notizia della riqualificazione dell’area dell’ex Marzotto di Salerno esplode la polemica politica. Sulla vicenda interviene il vice coordinatore provinciale di Forza Italia Gaetano Amatruda, che avverte: “Non si favorisca una speculazione edilizia ma si lavori a progetti di qualità". "Non vinca la logica del mattone, che non ha contribuito a ridurre i prezzi delle case, non nascano palazzoni e grattacieli fuori dall'armonia del territorio. Serve una reale programmazione, è necessaria - sottolinea - una logica nello sviluppo. L'area dell'ex Marzotto è fra due alberghi, alle spalle del parco Arbostella, vicina al mare, a pochi metri dal porto turistico. Per l'intera zona serve un progetto".

Per l’esponente azzurro "la nascita di palazzoni, a ridosso del porto turistico, è stata un errore e non si commettano gli stessi ancora una volta. Si scelga - dichiara - il destino dell'area e poi si programmi. La cementificazione senza logica non è sviluppo e serve solo ad arricchire, male, i soliti noti. All'inizio degli anni settanta con Gaspare Russo si immaginò la nascita del Parco Arbostella  trovando un equilibrio fra aree verdi e volumetria, con le giunte laiche e di sinistra si immaginò la delibera 71 che, per anni, ha tutelato il verde. Oggi - aggiunge- siamo prigionieri solo della logica del mattone".

Di qui la proposta: "Si può immaginare edilizia abitativa ma senza grattacieli, puntano sul verde e sui servizi. Ragionando e senza consegnare ed appaltatore pezzi di territorio. Con gli imprenditori poi si rilanci. Si coinvolgano- aggiunge Amatruda -  con accordi e strumenti normativi, nella riqualificazione delle zone periferiche, nella ristrutturazione dell'edilizia popolare e degli edifici fatiscenti. Basta con la logica dei regali senza immaginare servizi alla comunità. Il comune, per l'ex Marzotto, convochi subito - conclude - tavoli formali ed informali. Con i residenti, con gli albergatori e gli operatori turistici della zona. Si scelga il destino dell'area e si blocchi l'idea dei grattacieli. Uno schiaffo ai residenti, agli albergatori ed agli utenti del porto turistico" conclude il dirigente forzista. . 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento