menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonanni (Cisl) alla Fit-Incontra a Salerno: "Letta deve fare ciò che ha promesso"

Bonanni si è soffermato sulla tragedia di Prato: "Io spero che questa tragedia non serva solo agli scoop giornalistici ma a tenere un comportamento coerente ogni giorno"

Riflettori puntati sui trasporti in città. In occasione della prima giornata di Fit-Incontra in corso a Salerno, il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, si è pronunciato in merito a diverse questioni. "Bisogna recuperare tutti gli investimenti che non sono stati fatti: nel versante adriatico c'è bisogno dell'alta velocità. Si deve provvedere però - ha aggiunto - ai collegamenti locali con un trasporto decisamente molto più efficace".

"Per noi le attese sono quelle della stabilità, che deve servire ad affrontare i nodi strutturali di un Paese che è strangolato da troppe tasse - continua Bonanni - Riteniamo che Letta debba fare ciò che ha promesso. Per questo vogliamo che ci sia una discussione trasparente con i soggetti sociali, in modo tale da poter portare alla Camera un disegno che compia automaticamente quella sottrazione notevole di tasse che può arrivare solo dall'abbassamento della spesa pubblica, quella distorta, e dall'abbassamento dell'evasione fiscale". In merito all'Irpef, Bonanni auspica un taglio: "E' inutile andare appresso alle singole tasse: noi abbiamo chiesto al presidente Letta di trasferire tutti i soldi che si recuperano dalla spending review e dall'evasione fiscale, all'abbattimento automatico delle tasse. Tanto più si recupera dalla spesa deviata e dall'evasione - ha precisato - tanto più le tasse devono essere abbassate".

Bonanni, infine, si è soffermato sulla tragedia di Prato: "Io spero che questa tragedia non serva solo agli scoop giornalistici ma a tenere un comportamento coerente ogni giorno - ha concluso - La vicenda di Prato noi la denunciamo da anni, anni e anni. Tutte le vicende di lavoro nero noi le abbiamo denunciate e combattute. Quella cinese è ancora più impenetrabile e lo sanno tutti. Lo sanno gli inquirenti, le forze dell'ordine, lo sanno i sindacalisti e così via. Lì però non c'è stata nessuna iniziativa da parte dei pubblici poteri, soprattutto di chi ha il dovere di andare a controllare ed intervenire su vicende note a tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento