Fonderie Pisano, Cammarano: "Trasferimento a Buccino incoerente con rilancio Aree Interne”

Il presidente della Terza Commissione speciale: “Industria pesante non produrrà sviluppo ed è incompatibile con strategie di rilancio delle risorse paesaggistiche”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

“La ricollocazione delle Fonderie Pisano dalla periferia di Salerno all’area industriale di Buccino è assolutamente incoerente con il percorso di integrazione dell’intera area, in predicato di aderire alla Strategia Nazionale Aree Interne. Un progetto, quest’ultimo, che intende promuovere e sviluppare le risorse naturali e culturali di ciascun territorio, valorizzando le tradizioni locali e i sistemi produttivi agricoli, turistici e manifatturieri. In questa prospettiva l’insediamento di un’industria pesante è assolutamente incompatibile con una strategia tesa alla tutela ambientale e, dunque, al rilancio dell’intera area, tenuto conto che un impianto di questo genere non produrrà alcuno sviluppo del territorio”. Lo dichiara il presidente della Commissione regionale speciale Aree Interne e consigliere regionale M5S Michele Cammarano. “Non possiamo avallare un progetto di insediamento industriale di questo tipo, approvato con la contrarietà delle comunità e degli amministratori dei comuni del comprensorio. Appare evidente – sottolinea Cammarano - che non si sta agendo a vantaggio di migliaia di cittadini del comprensorio, ma nel solo interesse di un gruppo privato. Va assolutamente ripensata una decisione che rischia solo di alimentare un fenomeno di spopolamento e di decrescita economica che dobbiamo assolutamente contrastare, se vogliamo realmente valorizzare territori dalle potenzialità enormi”.

Torna su
SalernoToday è in caricamento