Otto milioni di Fondi europei alla Società Eco-Ambiente: l'ira di Casciello

L'accusa di Casciello: "La Regione si dimostra capace solo nel programmare gli interventi economici (con fondi europei destinati ad altro) per salvare le società gestite dal centrosinistra"

"La Regione Campania regala circa 8 milioni di Fondi europei alla Società Eco-Ambiente, o meglio al suo commissario liquidatore, considerato che la società è già in liquidazione, per creare una nuova bomba ecologica a Battipaglia, mascherata da svuotamento dell’area e creazione del nuovo sito di compostaggio". Lo ha detto il Deputato di Forza Italia On. Gigi Casciello in merito alla Delibera di Giunta regionale della Campania n.541 e al relativo Accordo di programma pubblicati sul Burc del 13 agosto.

Gli interventi

"Questi atti – ribadisce Casciello – avrebbero come oggetto il piano di intervento per lo svuotamento dello Stir di Battipaglia insieme a quello di Tufino, per realizzare al loro interno nuovi siti di compostaggio, ma in realtà la Regione Campania non fa altro che prestare una parte degli 8,3 milioni di euro di fondi europei (POR FESR 2014/2020) che servirebbero per lo sviluppo delle nostre Comunità, alla società in house della Provincia di Salerno EcoAmbiente, già in liquidazione, per ripianare i propri debiti. La Regione si dimostra capace solo nel programmare gli interventi economici (con fondi europei destinati ad altro) per salvare le società gestite dal centrosinistra. Sembra non avere altri programmi, lasciando la Campania e la provincia di Salerno nel dramma dell’emergenza rifiuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le accuse

Dito puntato, dunque, contro Palazzo Santa Lucia: "Alla Regione sembra non interessare il destino della Comunità di Battipaglia e di tutta la Piana del Sele, l’idea della rimozione e lo svuotamento dello Stir viene annullata e resa vana dalla decisione di realizzare un nuovo impianto di compostaggio proprio nello stesso luogo, da riempire con altri rifiuti. E in più lo fa con i soldi che l’Unione Europea avrebbe dovuto destinare allo sviluppo dei territori. La Campania paga un caro prezzo per le scelte scellerate del Governatore che non affronta seriamente il problema, spreca i fondi europei prestandoli ad una società già in liquidazione, affidandole servizi per riempiere nuovamente lo Stir di Battipaglia (come quello di Tufino) di altri rifiuti. Una situazione davvero grave ed esplosiva sulla quale occorre maggiore riflessione da parte di tutti", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento