menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondi Ue, De Luca sfida la Regione: "Finanziamenti entro un mese"

Il sindaco di Salerno ha incontrato questa mattina a Palazzo di Città alcuni primi cittadini campani per spiegare loro le ragioni che lo hanno spinto a fare ricorso al Tar contro i fondi europei stanziati dalla Regione ai piccoli comuni

Si è svolto questa mattina, presso Palazzo di Città, un incontro con una delegazione di sindaci, sulla questione dei fondi europei. Nel corso della riunione il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca ha illustrato la posizione del capoluogo rispetto al bando regionale di dicembre. "Dopo aver cancellato la legge 51; dopo aver ignorato emergenze idriche e viabili e dopo aver perso quattro anni senza fare nulla, la Regione - ha attaccato il primo cittadino - è arrivata con l’acqua alla gola a ridosso della scadenza del 2015, oltre la quale saranno perduti i fondi non spesi. Per anni e anni si sono ignorati centinaia di progetti cantierabili depositati presso gli uffici regionali. Uno scandalo nazionale, di cui dovrebbero chiedere scusa. Con un polverone mediatico si è cercato di nascondere questi irresponsabili ritardi".

Nel corso della riunione è stato chiarito che, con il ricorso al Tar presentato dal Comune di Salerno, non si è chiesta e non si chiederà nessuna sospensiva del bando regionale di dicembre (il cui iter, dunque, va avanti normalmente). Il Comune di Salerno si batte per ottenere una tutela giudiziale, anche a titolo di risarcimento compensativo, in sede di future programmazioni di fondi europei. Chiarito questo, e respinta la truffa mediatica di questi giorni, l'amministrazione comunale lancia alla Regione Campania la sfida su quattro punti. "Si dica subito a quanto assommano le risorse effettivamente disponibili, garantendo che questa modalità di impiego dei fondi sia condivisa dal governo e dall’Unione Europea. Siano emessi - prosegue De Luca - entro un mese i decreti di finanziamento dei 530 progetti già dichiarati “coerenti”, con relativa certificazione sulla cantierabilità. Siano garantiti tempi certi nell’erogazione dei finanziamenti, e nei successivi pagamenti degli stati d’avanzamento. Tempi dilatati renderebbero impossibile il rispetto della scadenza di dicembre 2015 per la spesa, e metterebbero a rischio i bilanci dei comuni".

Poi la proposta finale: "Si quantifichino le risorse impegnate per i grandi progetti privi di cantierabilità, e si destinino queste risorse ai progetti già presentati da anni alla Regione nell’ambito del parco progetti. Rispetto a questi punti - conclude De Luca - verificheremo chi fa propaganda, e chi no; chi pensa al lavoro, e chi pensa ai clienti. In una prossima iniziativa saranno illustrate proposte più di fondo per l’uso dei fondi europei".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Lotto tecnico: nuove vincite per i lettori, i numeri

  • social

    Lotteria degli scontrini: i codici della seconda estrazione

  • social

    Prignano Cilento, dopo 50 anni ritorna l'aquila sul Monumento ai Caduti

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento