menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca

De Luca

Bufera sui fondi per le Luci, De Luca si difende: "Solo mistificazione"

Il governatore butta acqua sul fuoco dopo che l'opposizione ha chiesto delucidazioni su alcuni finanziamenti destinati alla Terra dei Fuochi che, invece, sarebbero stati dirottati per pagare le luminarie

Dopo la polemica del consigliere regionale Massimo Grimaldi sui fondi destinati dalla Regione a Luci d’Artista, il governatore della Campania Vincenzo De Luca replica a muso duro alle accuse: “Continua la campagna di mistificazione nei confronti delle attività promosse dalla Regione per il rilancio della Campania. Stavolta - spiega - si fanno passare i finanziamenti destinati al marketing territoriale (Pac III) per fondi destinati a interventi ambientali, come se fossero stati sottratti a un inesistente capitolo Terra dei fuochi. Come se si fossero stati preferiti alcuni eventi, al dramma che invece concretamente si sta affrontando a cominciare dall’eliminazione delle ecoballe.”

Poi l’ex sindaco di Salerno sottolinea che “quello che esiste invece è il titolo “Piano Terra dei Fuochi” riferito alla partecipazione della Campania all’Expo 2015. All’esposizione universale, recuperata in extremis altrimenti si sarebbero persi non solo fondi ma anche la possibilità di sconfessare in modo scientifico e in una vetrina internazionale i pregiudizi di anni di aggressioni mediatiche contro la “buona terra”, la Campania ha portato la propria cultura, i propri monumenti, l’orgoglio della dieta mediterranea e per la prima volta i dati ufficiali che demoliscono la campagna denigratoria sui prodotti alimentari scaturita dalla cattiva gestione dell’emergenza rifiuti iniziata 15 anni fa”.

Infine De Luca ricorda che “per l’Expo, la precedente amministrazione aveva stanziato ben sei milioni di euro. L’attuale amministrazione ha risparmiato 3,2 milioni. La cifra residua, come previsto dall’avviso “Arte e cultura per follow up Expo 2015”, è stata destinata con bando e prevedendone la rendicontazione, ai cinque comuni capoluoghi della regione come prosecuzione in loco della strategia Expo. Ogni singolo capoluogo, compreso Napoli presente all’Expo anche con specifiche promozioni del Teatro San Carlo e del Museo Madre, ha potuto e può utilizzare quota parte la cifra risparmiata, per promuovere il proprio territorio”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento