menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Caldoro

Stefano Caldoro

Falso dossier, Caldoro perdona Sica: "E' pentito, basta altro purgatorio"

L'ex governatore della Campania chiude la polemica legata ad un suo possibile veto rispetto all'ingresso del sindaco di Pontecagnano Faiano in Forza Italia. Ma resterà parte civile nel processo

Stefano Caldoro perdona Ernesto Sica. “E pentito, ha ammesso le sue colpe e chiesto scusa. Continua il processo. Non è necessario faccia altro purgatorio” scrive l’ex governatore della Campania su Twitter in risposta alla domanda di un giovane salernitano, Luca Lamberti, in merito alla polemica politica sull’adesione del primo cittadino di Pontecagnano Faiano a Forza Italia.

La svolta

Il leader dell’opposizione a Palazzo Santa Lucia, almeno sotto il profilo umano e politico, chiude il caso politico legato alla posizione di Sica, imputato nel processo sul falso dossier P3 ai suoi danni e che vede Caldoro costituito come parte civile. L’ex presidente, com’è nel sue stile, decide ancora una volta di separare la questione giudiziaria, che andrà avanti comunque, da quella di carattere politico. Insomma, se Sica vuole entrare nel partito di Berlusconi è libero di farlo. Da parte sua, al netto del processo in corso, non vi è alcun veto.

Pronta la risposta del sindaco: “Ho già ribadito più volte il mio pensiero. Posso solo aggiungere - dice Sica - che Caldoro, con le sue grandi qualità umane, si conferma un vero galantuomo d’altri tempi oltre a rappresentare una delle migliori intelligenze politiche del nostro Paese”.

Il pentimento di Sica

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento