menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carfagna e Gagliano

Carfagna e Gagliano

Gagliano contro Carfagna: "Fi è nel caos, lei è ancora in vacanza?"

Il consigliere comunale di Salerno prende di mira la coordinatrice degli azzurri, rea di non essere ancora intervenuta sull'asse politico Aliberti-Melchionda e sul taglio degli ospedali

Il consigliere comunale di Salerno Salvatore Gagliano scrive pubblicamente una lettera alla coordinatrice provinciale di Forza Italia Mara Carfagna per criticare il suo silenzio in merito all'elezione dell’ex sindaco di Eboli Martino Melchionda (Pd)  a presidente del consorzio farmaceutico, sponsorizzata dal primo cittadino forzista di Scafati Pasquale Aliberti. Ma anche lo stallo politico tutt’ora in atto sul futuro degli ospedali di Agropoli e Castiglione di Ravello. Il noto imprenditore alberghiero parte proprio dal capitolo sanità sottolineando come sia "in dirittura d’arrivo l’approvazione del Piano Aziendale 49/2010, che mortifica notevolmente una parte importantissima della nostra Provincia ed esattamente il Cilento con la chiusura dell’ospedale di Agropoli e la Costa d'Amalfi con il presidio ospedaliero di Castiglione di Ravello. Noi - ricorda - abbiamo lanciato il grido d’allarme rappresentando tutta la nostra indignazione". 

Di qui la stoccata: "Come si pone Forza Italia rispetto a questa scellerata proposta fatta dall’ex fido di Bassolino, Angelo Montemarano? Potrebbe gentilmente spiegare - scrive Gagliano alla Carfagna - cosa diremo ai nostri elettori e simpatizzanti, in occasione delle Regionali, della nomina di Montemarano alla guida dell’Ente Arsan, il più importante organismo della sanità campana, dopo che lo stesso ha fallito politicamente come direttore dell’Asl Napoli 1 (la più indebitata d’Europa) e come assessore alla Sanità di Bassolino ed ora con la Regione Campania guidata dal centrodestra è stato riciclato?".

Poi l'esponente azzurro informa l'ex ministro che "durante la sua assenza è stato nominato come presidente del consorzio farmaceutico Martino Melchionda, targato da sempre Pd, e da quanto riportano i quotidiani locali, su indicazione di un comune di centro destra, quello di Scafati. Il suo delegato, da lei nominato Signor Casciello ha dichiarato alla stampa che tale nomina è stata fatta per garantire la governabilità al Consorzio. Il che significa, che nella nostra Provincia, non esiste un solo professionista di centro destra, capace di interpretare al meglio tale ruolo. E tutto ciò sarebbe una sconfitta anche per lei, onorevole, incapace di creare una classe dirigente".

Per questo invita la Carfagna "a convocare al più presto un incontro, nella sede che riterrà opportuno, affinchè siano trattati tali delicati argomenti, coinvolgendo anche la parte del partito a lei indigesta (in primis la Longo ed il sottoscritto)". Infine ribadisce la sua posizione in vista delle elezioni regionali: "Onde evitare fraintesi, equivoci o insinuazioni da parte di qualcuno, confermo ancora una volta la mia totale indisponibilità ad una eventuale candidatura alle prossime regionali nella lista di Forza Italia. La mia è solo una battaglia territoriale e per i nostri concittadini, ma mi rendo conto che con il nostro partito è molto difficile fare, visto che è totalmente assente e lontano sulle problematiche piu' importanti del nostro territorio"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Lotto tecnico: nuove vincite per i lettori, i numeri

  • social

    Lotteria degli scontrini: i codici della seconda estrazione

  • social

    Prignano Cilento, dopo 50 anni ritorna l'aquila sul Monumento ai Caduti

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento