menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roscia

Roscia

Luigi Nocera (Forza Italia): "Tutto da ricostruire nel partito", l'ira degli altri esponenti

Casciello, Roscia, Fasano, Aliberti, Di Giorgio: un mare di repliche contro le parole di Nocera

"Anche a Salerno c’è un partito tutto da ricostruire, che non può rimanere nelle mani di dilettanti allo sbaraglio’’. Lo ha detto Luigi Nocera, esponente di Forza Italia. "Occorre avviare una fase di confronto sui contenuti, sui programmi, sulle cose da fare, per  recuperare autorevolezza e per riconquistare la fiducia della gente. Con il nostro contributo di idee e grazie al nostro impegno elettorale,  al valore aggiunto rappresentato  da Clemente Mastella  – ha aggiunto Nocera  – abbiamo evitato che anche in provincia di Salerno si registrasse un vistoso calo di consensi. E’ evidente che, anche alla luce dei magri risultati delle Amministrative, c’è bisogno di rivedere il quadro dirigenziale di recuperare le ragioni della politica rispetto a logiche di pura conservazione di insostenibili rendite di posizione. Di certo – conclude l’ esponente Forzista – bisogna procedere, anche in provincia di Salerno, ad un riequilibrio interno al partito, condizione essenziale per riconquistare consensi, anche in vista delle future scadenze elettorali, a partire dalle Regionali del prossimo anno".

Non sono piaciute, tali considerazioni a Forza Italia. Diverse, infatti, le repliche alle parole di Nocera: "Con piacere scopro che l’amico Luigi Nocera si interessa delle vicende politiche di Forza Italia nonostante la sua totale assenza dalla vita e dalla campagna elettorale per il partito. - esordisce Gigi Casciello, portavoce provinciale di FI - E non sorprende che, sebbene invitato, abbia già preannunciato la sua assenza anche alla riunione di Coordinamento provinciale convocata per domani, cui avrebbe dovuto prendere parte quale vicesegretario provinciale. Comprendo piuttosto la sua personale delusione per lo scarso contributo elettorale che egli stesso è riuscito a dare all’on.Clemente Mastella nonostante un impegno esclusivo. In quanto al dilettantismo misto ad una ingiustificata protervia, ci bastano le tracce lasciate da Luigi Nocera nelle sue esperienze di assessore regionale all’ambiente alla corte di Antonio Bassolino. Il disastro dei rifiuti a Napoli ed in Campania nell’era Bassolino con Luigi Nocera assessore all’Ambiente è roba da dilettantismo, professionismo o fallimento della politica?". E il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti incalza: "All’indomani di un risultato importante in provincia di Salerno per Forza Italia, tale da permettere di andare ben oltre il dato nazionale, ci saremmo attesi tutto tranne di registrare un commento ingiustificatamente acido di Luigi Nocera. Il risultato ottenuto dall’on.Clemente Mastella, anche in provincia di Salerno, non rende onore all’impegno di Luigi Nocera ma nulla accade invano e forse anche nella memoria dei cittadini della provincia di Salerno è vivo il ricordo della grave emergenza rifiuti gestita male dalla Giunta Bassolino di cui Luigi Nocera ha fatto parte proprio da assessore all’Ambiente. E non credo che il ricordo e l’eventuale associazione fatta si sia rivelata un bene per Forza Italia in termine di consensi".

 Ancora Domenico Di Giorgio sindaco di Montecorvino Pugliano: " Non dico il senso del pudore, ma almeno quello della misura avrebbe dovuto consigliare a Luigi Nocera di astenersi dal commentare i risultati di Forza Italia in provincia di Salerno. Non mi risulta abbia dato il benché minimo contributo alla formazione delle liste per le amministrative nemmeno nell’Agro Nocerino, sua area di principale riferimento. Abbiamo invece avuto notizia di una sua intensa attività per le preferenze all’on.Clemente Mastella alle elezioni Europee che però non ha prodotto i risultati che l’ex europarlamentare avrebbe meritato. Evidentemente sono stati molto più bravi i “dilettanti” che hanno sostenuto Marzia Ferraioli piuttosto che il “professionista” Nocera per Clemente Mastella". Ed il senatore Enzo Fasano, vicecoordinatore di FI: "Sorprende che un politico navigato ed amico come Luigi Nocera si sia lasciato andare a dichiarazioni che hanno i connotati dello sfogo causato dalla delusione per la mancata elezione dell’on.Clemente Mastella al Parlamento Europeo. Forza Italia in provincia di Salerno ha conseguito anche alle Europee un risultato più che soddisfacente grazie al nuovo entusiasmo che l’on.Mara Carfagna ha saputo trasferire a militanti, dirigenti ed eletti. Luigi Nocera avrebbe fatto bene a non rinchiudersi in una logica di parte che non aiuta il partito e sicuramente non legittima la rivendicazione di spazi che tra l’altro nessuno ha mai negato".

Infine il coordinatore cittadino Antonio Roscia: "Leggo con disgusto le vili e presuntuose parole del già on. Luigi Nocera, nominato Vice Coordinatore Provinciale di Forza Italia Salerno da grazia ricevuta per meriti ignoti, relativamente al dato elettorale di Forza Italia a Salerno. " Basta con i dilettanti allo sbaraglio" scrive il redivivo dirigente  provinciale.  Facendo evidentemente non di tutta un erba un fascio poiché lui si tira fuori dalla mischia. È proprio vero che, quando piove lota,  sono pochi quelli che tengono duro e tanti quelli che scappano o peggio colpiscono alle spalle, uscendo dall'ombra nella quale si erano nascosti. Al Vice Coordinatore Provinciale Luigi Nocera dico che il sottoscritto fa Politica certamente non per mestiere ; ed allo sbaraglio ci va senza paura, da sempre, senza incarichi istituzionali e senza contare prima i suoi nemici. Quanto al dilettante, inteso come pressapochismo o impreparazione, lo aspetto sulla sede del Partito per un pubblico e sereno confronto, consigliandogli di portarsi dietro quaderno e penna per prendere appunti.
In ultimo vorrei segnalare che se, a Salerno città,  Clemente Mastella ha portato in dote qualche centinaia  di voti personali,  certamente è stata la sua presenza in lista a far perdere  migliaia di voti globali a Forza Italia, considerando nell'opinione pubblica  il suo nome certamente non come il nuovo che avanza. Quanto al mio incarico, come sempre, esso é a disposizione del partito.
Non ho bisogno di medagliette per far Politica ma solo della stima e dell'amicizia di persone perbene e virtuose come Mara Carfagna, alla quale sola mi pregio di aver legato il mio personale percorso politico e di impegno sociale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento