Fruizione e sicurezza nelle spiagge libere di Pontecagnano Faiano: le proposte deglo amici di Beppe Grillo

Le proposte del gruppo Amici di Beppe Grillo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

L’approssimarsi della stagione estiva ha posto al centro del dibattito pubblico, tra le altre, la questione riguardante le modalità di svolgimento delle attività balneari per la stagione 2020, con la necessità di  garantire l’accesso in sicurezza alle spiagge libere e la riapertura dei lidi secondo direttive nazionali e regionali uniformi per il distanziamento e la sanificazione. 

La fruizione degli spazi pubblici come le spiagge libere, deve essere oggi più che mai garantita a tutti nel rispetto delle misure di prevenzione; la posizione riportata da alcune testate giornalistiche locali attribuita al Presidente della Giunta Vincenzo De Luca, in riferimento ad una ipotetica chiusura delle spiagge libere ovvero l’affidamento delle stesse agli attuali concessionari, già in regime di proroga, ha fatto registrare un netta contrarietà da parte dell’opinione pubblica. 

Il nostro Gruppo ha voluto esprimere estrema contrarietà a questa idea malsana di chiudere l’accesso alle spiagge pubbliche ed ha colto l’occasione per formulare una proposta all’Amministrazione di Pontecagnano Faiano, così articolata: 

1.    Dotare le spiagge libere di servizi di tipo igienico sanitario, di erogazione acqua potabile e migliorare l’accessibilità al demanio da parte di tutte le categorie di soggetti fruitori, compresi scivoli per disabili;

2.    Gestione delle spiagge libere ad Associazioni di volontariato o Cooperative che in cambio dell’ affidamento dovranno garantire la pulizia del tratto di spiaggia tutto l’anno e non solo nei mesi estivi. In capo all’Amministrazione dovrebbe rimanere solo la garanzia della sicurezza delle spiagge con un servizio di salvamento; 

3.    Importante che tale affidamento avvenga con un bando pubblico il più trasparente possibile;

4.     Possibilità per l’Affidatario della gestione di aprire un piccolo chiosco come punto ristoro, del tutto removibile a fine stagione; 
 
Le spiagge libere, rappresentano un bene comune appartenente al demanio marittimo di proprietà collettiva naturalmente destinato alla pubblica fruizione, il cui accesso, anche ai fini della balneazione, non può essere limitato o subordinato al pagamento di una somma di denaro, a danno delle fasce economicamente più deboli e in violazione dei principi costituzionali di uguaglianza e parità di accesso. 
Occorre oggi stabilire un impegno serio per l’Estate ormai prossima che dovrà vedere un’Amministrazione spesso assente sulla gestione Litorale, mostrarsi soggetto attivo. 
Il nostro contributo vuole essere di tipo propositivo e rivolto a quella fetta di cittadini più bisognosi di attenzione soprattutto in tempi bui come quelli che stiamo attraversando.  Le idee ci sono, ragioniamo insieme per metterle in pratica. Dobbiamo garantire a tutti i cittadini la stessa possibilità di fare un bagno, una doccia o anche semplicemente di scendere in spiaggia anche se in carrozzella.  Oggi giorno della liberazione dal nazifascismo celebriamo con l’attivismo il nostro essere cittadini. 
 

Torna su
SalernoToday è in caricamento