menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città Metropolitane, Iannone scrive ai senatori salernitani: "Impeditelo"

Iannone: "Un provvedimento profondamente sbagliato che, se dovesse essere così approvato, provocherà enormi danni al territorio e creerà il caos completo nella gestione dei servizi da offrire ai cittadini"

Tra pochi giorni approderà in aula il Disegno di Legge Città Metropolitane, Province, Unioni e Fusioni di Comuni. "Un provvedimento profondamente sbagliato che, se dovesse essere così approvato, provocherà enormi danni al territorio e creerà il caos completo nella gestione dei servizi da offrire ai cittadini”. Queste le parole del presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone in una lettera inviata ai senatori del territorio salernitano Franco Cardiello, Andrea Cioffi, Giuseppe Esposito, Vincenzo Fasano, Eva Longo e Angelica Saggese.

“Dopo aver asfissiato finanziariamente gli Enti locali- si legge nella nota- il Governo creerebbe i presupposti per una confusione istituzionale attraverso una pseudo Riforma che non abolisce e non mantiene le Province. In provincia di Salerno, in particolare, questa riforma risulterebbe molto penalizzante e farebbe perdere il peso politico-istituzionale ad un territorio morfologicamente e socialmente diversificato che si compone principalmente di tanti piccoli comuni. Venendo a mancare un Ente intermedio che garantisce la funzione di Governo in area vasta, i nostri cittadini perderebbero opportunità rispetto all’area metropolitana di Napoli: non è possibile favorire un processo che vada a creare cittadini eguali solo nei doveri verso lo Stato, si tratterebbe di un colpo mortale per le nostre zone".

Secondo Iannone, inoltre, lo "svolgimento pratico delle previsioni del Disegno Delrio non garantisce né la riduzione della spesa pubblica, né la semplificazione delle funzioni né la sburocratizzazione dei processi decisionali": "Non è possibile riformare la catena istituzionale dello Stato lasciando inalterato il vecchio modello ad esclusione dell’anello Provincia. L’Unione delle Province d’Italia ha più volte manifestato la sua disponibilità ad essere parte attiva e propositiva della Riforma ma abbiamo riscontrato, nei mesi, un’assoluta sordità del Governo centrale. Non hanno trovato risposte convincenti le nostre preoccupazioni circa l’incapacità che la nuova configurazione comporterebbe nell’assicurare servizi fondamentali quali le strade provinciali e le scuole. Ricorro a voi, pertanto, nel chiedervi la massima attenzione nella valutazione degli Emendamenti da noi proposti e che troverete in allegato. Auspico, infine, che la vostra saggezza sani nel voto finale, che terrete in Senato, questa mancanza di buonsenso e di disponibilità al confronto manifestata dall’Esecutivo". Per il delicato tema dell’abolizione delle Province e della creazione delle Città Metropolitane, in conclusione, Iannone denuncia "assoluta mancanza di serietà politica sotto la spinta mediatica di una confusa e finta lotta allo spreco di denaro pubblico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento