Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

"No" all' inceneritore di Salerno: battaglia notturna del M5S al Senato, nulla di fatto

Una vera e propria battaglia notturna al Senato del M5S contro l'inceneritore di Salerno: ma il Governo è irremovibile dalle sue posizioni. Lo ha reso noto il senatore del Movimento 5 Stelle Andrea Cioffi

Una vera e propria battaglia notturna al Senato del M5S contro l'inceneritore di Salerno: ma il Governo è irremovibile dalle sue posizioni. Lo ha reso noto il senatore del Movimento 5 Stelle Andrea Cioffi: "L'impianto resta nel testo DL 91. Il lavoro in Commissione congiunta Ambiente e Industria al Senato è stato lungo e delicato, e si è protratto  per tutta la notte, fino alle 7.15 di questa mattina- racconta - Alle 5.30 abbiamo discusso dell'inceneritore di Salerno, ma nonostante il nostro impegno non siamo riusciti a convincere il Governo dell’inopportunità di inserirlo  tra le opere di rilevanza strategica del Decreto Competitività. Tutti i nostri emendamenti sono stati bocciati uno ad uno, mentre ne hanno approvato uno, presentato dal PD che è una foglia di fico in quanto prevede solo la possibilità di apportare modifiche alle caratteristiche tecnologiche e al dimensionamento".

E Cioffi aggiunge: "Il sotteso, il non detto è che nell'impianto di Salerno ci vogliono bruciare le ecoballe, e questa è una pazzia. Sarebbe come bruciare una miniera d'oro. Ad oggi 8 milioni di tonnellate di ecoballe, costituite per gran parte di materiale nobile, come plastica e alluminio che potrebbe essere riciclata invece di essere bruciata. La stessa miniera d'oro che la Fibe diede come garanzia alle banche per farsi finanziare l'impianto di Acerra e l'attuazione del ciclo dei rifiuti", ha precisato il senatore.

Secondo Cioffi, la Regione Campania dovrebbe modificare il piano rifiuti per escludere definitivamente l'incenerimento  nell’impianto di Salerno e utilizzare le famose "ecoballe", come una miniera. "Lo abbiamo detto in tutte le sedi fin dall’inizio che l’inceneritore è un progetto scellerato, inutile, dannoso e non sostenibile finanziariamente. Sui danni all’ambiente e alla salute non credo neanche di dover aggiungere altro, visti tutti gli studi scientifici che correlano gli impianti all’incidenza dei tumori. Inutile perché dal 2020, per disposizione comunitaria, non si potrà più bruciare materiale diversamente riciclabile e negli ultimi anni abbiamo aumentato sensibilmente il livello di raccolta differenziata - ha concluso - La chiave di volta è proprio legata all'aumento della raccolta differenziata e al riutilizzo totale della materia che deve portare verso la strategia rifiuti zero. Ora il Decreto passa alla Camera per la conversione definitiva. La battaglia si sposta tra i banchi di Montecitorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No" all' inceneritore di Salerno: battaglia notturna del M5S al Senato, nulla di fatto

SalernoToday è in caricamento