menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Crescent, Sgarbi difende De Luca: "E' una vittima come Berlusconi"

Il critico d'arte in città critica gli oppositori: "Il vero ecomostro è l'edificio Inail". Poi lancia una stoccata sulla Cittadella Giudiziaria "andrebbe bombardata" e un assist a De Luca: "Lo vorrei ministro"

Vittorio Sgarbi torna a Salerno e in occasione della presentazione del suo libro "Il Sole dItalia", svoltasi nel Salone dei Marmi a Palazzo di Città, a cui ha partecipato anche il sindaco viceministro Vincenzo De Luca, finito sotto inchiesta insieme ad altre 30 persone per la costruzione del Crescent, decide di prendere le difese del primo cittadino paragonandolo al leader di Forza Italia Silvio Berlusconi:  "Penso che siamo al colpo di stato continuo da parte delle Procure. Non vedo e non capisco i reati. Non trovando una Ruby come nel caso di Berlusconi, cercano di bloccare così  De Luca. Quando sbloccheranno il cantiere (perché lo sbloccheranno) - afferma il critico d’arte – saranno i contribuenti italiani a pagare? Io da cittadino italiano, da contribuente, sono stanco di pagare indagini ed intercettazioni telefoniche per quei processi (vedi il caso Tortora) che non hanno portato a nulla. Mi piacerebbe sapere solo quanto cosa tenere fermo un cantiere e soprattutto dopo chi pagherà questi danni». 

Un paragone molto forte e alquanto inaspettato anche se proprio in questi giorni a livello nazionale si sta tornando a discutere dei processi a carico del Cavaliere, in primis di quello Ruby, in vista anche della decadenza del 27 novembre, quando per la prima volta un senatore italiano verrà espulso con voto palese e non segreto dalla sua camera di appartenenza. Di qui il paragone con De Luca, che è finito sotto inchiesta per la costruzione del grande cantiere situato alla fine del lungomare cittadino. E sempre a margine dell'incontro Sgarbi ha ribadito la sua opinione sul Crescent attaccando gli oppositori: "Il vero ecomostro è l’edificio Inail che andrebbe distrutto ed è a quello che Bofill ha pensato, invece Bohigas aveva sbagliato tutto. Se lo faceva più basso non avrebbe coperto quell’edificio orribile alle spalle". Ma dal famoso critico d'arte arriva anche qualche critica a partire da quella verso il progetto della Cittadella Giudiziaria che - secondo lui -  "andrebbe bombardata".

Infine lancia un assist a De Luca: "Dovrebbe essere fatto ministro della giustizia al posto della Cancellieri, altrimenti perchè appoggiare Renzi? Oppure ministro della Difesa anche perchè a Salerno - ironizza Sgarbi - un carro armato si potrebbe mettere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

social

Turismo, la spiaggia di Santa Teresa su "Lonely Planet": l'annuncio del sindaco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento