rotate-mobile
Politica

Scandalo rimborsi regionali: parla De Luca

Il primo cittadino si è espresso anche sull'abolizione delle Province: "Per abolire le Province dobbiamo partire dalla modifica costituzionale"

"Ci sono responsabilità se non altro nel mancato controllo di queste cose. Al di la dell'aspetto penale, credo che ci sia un problema di decoro, di dignità e di misura". Queste le parole del sindaco di Salerno e viceministro alle infrastrutture, Vincenzo De Luca, in merito all'inchiesta della Procura di Napoli sui rimborsi dei consiglieri regionali. "Nel mio primo ed ultimo intervento da consigliere regionale - ha ricordato De Luca - proposi la riduzione di 2.000 euro delle indennità. Purtroppo rimase solo una proposta che non venne raccolta da nessuno, sia di destra, sia di sinistra, sia di centro".

Il primo cittadino, quindi, si è espresso anche sull'abolizione delle Province: "Per abolire le Province dobbiamo partire dalla modifica costituzionale: la decisione della Corte Costituzionale era ampiamente prevedibile. Dobbiamo partire con la modifica costituzionale, iniziando a svuotare subito di funzioni le Province, specie quando queste funzioni non hanno una ragione vera".

"Penso - ha concluso - alla materia urbanistica che deve essere di competenza di Regioni e Comuni. Le Regioni devono approvare le linee generali della programmazione territoriale, i Comuni devono approvare i piani regolatori. Quindi - ha concluso - c'é bisogno di una semplificazione da subito per poter eliminare le Province".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo rimborsi regionali: parla De Luca

SalernoToday è in caricamento