Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

La deputata Bilotti (M5s) incontra i sindaci dell'Alto Sele-Tanagro-Alburni

"Aree interne: occorre stringere i tempi per coinvolgere altri territori campani"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

"Occorre accelerare i tempi per estendere ad altri territori della Campania l'ingresso nella Strategia delle Aree interne, la cosiddetta Snai. Esistono vasti e importanti comprensori regionali, come quello dell'Alto Sele-Tanagro-Alburni, che hanno avanzato proposte di candidatura e progetti, peraltro già accolti, che non possono essere esclusi dalla programmazione 2021-2027. Presto, con il coinvolgimento della Commissione speciale regionale Aree interne, presieduta da Michele Cammarano, avrò un incontro al Ministero per il Sud e la Coesione territoriale finalizzato a una definizione di un percorso rimasto purtroppo incompleto". È l'impegno assunto da Anna Bilotti, deputata del Movimento 5 Stelle e componente dell'Intergruppo parlamentare Aree interne, nel corso di un incontro, avuto nella sede di Oliveto Citra della Comunità montana del Tanagro-Alto e Medio Sele, con i sindaci e gli amministratori di 19 comuni del territorio salernitano interessato dalla Strategia Snai.
 

I dettagli

"Con i sindaci ho avuto un'occasione di confronto importante e costruttiva sui tanti problemi che attanagliano le nostre aree interne – aggiunge Bilotti –. Viabilità, sanità, istruzione, ambiente sono solo alcuni dei temi politici la cui gestione va ripensata in funzione dei diritti negati a queste splendide comunità, che sono strategiche per il futuro della Campania e che meritano una nuova idea di sviluppo. Tanto per fare un esempio: la resistenza all'insediamento delle Fonderie Pisano a Buccino non è un pregiudizio contro un'azienda o un imprenditore, ma la consapevole necessità di stimolare un'economia coerente con il territorio, capace di sfruttare il capitale umano del luogo e che abbia una prospettiva di lungo periodo. Lo sviluppo dell'agroalimentare, della ricettività turistica e della valorizzazione culturale sono le strade maestre per fare rientrare i nostri giovani e fermare la drammatica piaga dello spopolamento. La vastissima provincia di Salerno può rappresentare un simbolo per la rinascita dei territori marginali: ecco perché alle due aree già riconosciute dalla Strategia delle Aree interne, vale a dire Cilento interno e Vallo di Diano, deve aggiungersi presto quella dell'Alto Sele-Tanagro-Alburni. Ringrazio innanzitutto l'onorevole Bilotti per l'ampia disponibilità e l'attenzione mostrati verso il nostro territorio, a partire dall'interrogazione al Ministero sulla vicenda delle Fonderie fino ad arrivare all'incontro sulla fondamentale questione delle aree interne – ha detto Nicola Parisi, sindaco di Buccino e tra i principali promotori dell'adesione alla Snai – Abbiamo avuto un confronto molto interessante, utile e finalizzato alla realizzazione di un obiettivo comune: arrivare quanto prima possibile alla definizione della pratica Aree interne. È un tema, questo, fondamentale per lo sviluppo e il futuro del nostro territorio, sul quale puntano tantissimo tutti i 19 comuni coinvolti. È un progetto strategico che va assolutamente condotto in porto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La deputata Bilotti (M5s) incontra i sindaci dell'Alto Sele-Tanagro-Alburni

SalernoToday è in caricamento