menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Zitarosa

Giuseppe Zitarosa

Interrogazione di Zitarosa sull'ex Marzotto e sulle giostrine abbandonate sul lungomare

Giuseppe Zitarosa, consigliere comunale salernitano di Forza Italia, ha preparato un'interrogazione al sindaco di Salerno sulla situazione dell'area dell'ex Marzotto e delle giostrine in disuso sul lungomare Colombo

Giuseppe Zitarosa, consigliere comunale salernitano di Forza Italia, ha preparato un'interrogazione al sindaco di Salerno sulla situazione dell'area dell'ex Marzotto e delle giostrine in disuso sul lungomare Colombo. "Numerosi cittadini confinanti mi hanno segnalato lo stato di degrado e di pericolosità in cui versano queste aree - esordisce nell'interrogazione - L’ex fabbrica Marzotto è diventata un’area il cui degrado non è più sostenibile dalla città. La vegetazione, rigogliosa ed incolta, oltre che alimentare la presenza di ratti, serpenti ed insetti assai nocivi, potrebbe dare origini a pericolosi incendi, soprattutto in questi giorni di grande caldo mentre sul lungomare Colombo - continua Zitarosa - da tutti considerato come uno dei più belli d’Italia, è presente una vera e propria discarica a cielo aperto dove si può davvero trovare di tutto: siringhe lasciate da drogati che frequentano l’area, elettrodomestici in disuso, bottiglie di vetro, pneumatici di auto e tanti altri rifiuti più o meno dannosi per l’ambiente. L’area interessata era occupata fino a qualche anno fa, non sappiamo se abusivamente o meno, da una giostra la cui dismissione ha favorito lo sviluppo di questo immondezzaio comunale con annessa casupola occupata, di notte, da extracomunitari. Le scene che ruotano attorno a queste due aree sembrano uscite dalla scenografia di un film surreale".

"Chiedo, quindi, di sapere quando questa Amministrazione adotterà i provvedimenti opportuni (ingiunzione ai soggetti proprietari perché immediatamente provvedano alla bonifica e messa in sicurezza delle aree interessate e, in caso di inottemperanza, l’esecuzione d’ufficio dei lavori in danno) al fine di rimuovere qualsiasi motivo di pregiudizio per la pubblica, privata incolumità e per l’igiene e la salute pubblica" conclude Zitarosa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento