La Netgroup Volley 1950 vuole tornare a giocare a Salerno

Nota stampa della società di pallavolo che vuole tornare a giocare a Salerno dopo un anno a Cava de' Tirreni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

La Netgroup vuole ritornare a giocare nella città di Salerno
 
 
Il patron del club Ciafrone avvierà i contatti con l’assessore comunale
allo Sport, Enzo Maraio, per abbandonare Cava De’ Tirreni
 
Comunicato stampa n. 41 stagione 2010 - 2011
 
La Netgroup Volley 1950 programma il futuro e lo fa pensando al 'Progetto Salerno'. Dopo un anno di esilio a Cava De' Tirreni, infatti, la squadra cara al presidente Gino Ciafrone vuole ritornare nella città capoluogo con una programmazione seria che possa rilanciarla nel mondo del volley regionale dopo le ultime due stagioni che l'hanno vista protagonista in negativo. Un progetto articolato in pochi punti, ma allo stesso tempo fondamentali per la sopravvivenza di un club che, nonostante le mille difficoltà, ha sempre portato in alto il nome della Salerno sportiva e della sua provincia. E la prima condizione necessaria affinché il Volley 1950 sopravviva è legata alla struttura che ospiterà il prossimo anno le gare e gli allenamenti dei ragazzi di Ciafrone. L'anno scorso la Netgroup è stata di scena a Cava De' Tirreni, nell'accogliente struttura della palestra 'San Pietro', che però, per quanto ospitale, non ha lo stesso fascino su sponsor e sostenitori che ha invece un impianto come il 'PalaSenatore' di via Nizza a Salerno. Per questo il sodalizio rossoblu cercherà, a tutti i costi, di ritornare in città. L'obiettivo è quello di far della palestra adiacente al 'Vestuti', o di qualsiasi altro impianto di Salerno, il proprio quartier generale, per fare in modo di attirare quanta più gente possibile al fianco del Volley 1950. E per questo nei prossimi giorni la società di via Santamaria cercherà di incontrare il nuovo assessore allo Sport dell'Amministrazione De Luca, Vincenzo Maraio, per verificare la disponibilità degli impianti sul territorio cittadino. E dopo il discorso legato all'impianto la squadra si metterà al lavoro per allestire la squadra, che, secondo voci di corridoio, dovrebbe essere allestita per vincere senza problemi il campionato di competenza che andrà a disputare, visto che patron Ciafrone spera in un altro ripescaggio in serie C. Per questo il dirigente del roster, Mario Alfano, ha dato mandato ad un noto direttore sportivo del settore - il cui nome è ancora top secret - di iniziare a sondare il terreno per verificare la disponibilità di alcuni giocatori e dei coach, un primo ed un secondo allenatore graditi al presidente Gino Ciafrone. Le consultazioni, già avviate da qualche giorno, dovrebbero portare i tesserati ad effettuare un primo allenamento il prossimo 16 giugno presso la palestra dell'istituto 'Genovesi' di via Sichelgaita a Salerno. Ma tutto resta condizionato dalla scelta dell'impianto. Infatti, i piani del Netgroup 1950 potrebbero ridimensionarsi drasticamente se la squadra di Ciafrone ed Alfano fosse costretta a traslocare, per l'ennesima volta, lontano da Salerno. Per questo sarà fondamentale incontrare l'assessore Vincenzo Maraio per cercare di convincerlo che il volley salernitano non può perdere ancora una volta una realtà come quella della Netgroup Volley 1950.
Torna su
SalernoToday è in caricamento