menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca su La7

De Luca su La7

De Luca a muso duro contro la Bindi: "Le rimprovero la sua stessa esistenza"

Il governatore, ospite di Lilli Gruber su La7, attacca nuovamente la presidente dell'Antimafia e critica la legge Severino: "Se verrà applicata avrò 18 mesi di ferie pagate dallo Stato"

Vincenzo De Luca a tutto campo ieri sera a La7 durante la trasmissione “Otto e mezzo” condotta da Lilli Gruber. Il governatore della Campania non si è sottratto alle domande, anche quelle più spinose, sulla legge Severino e sulla presenza nelle sue liste elettorali di esponenti del centrodestra vicini all’area di Nicola Cosentino. Di qui la stoccata contro Rosy Bindi, che ha querelato, in merito alla lista degli impresentabili candidati alle elezioni regionali. “Il suo - ha attaccato De Luca - è stato un atto di infame responsabilità o irresponsabilità" ed ancora "un atto di una scorrettezza e gravità unica che va oltre ogni regolamento".

Poi ha aggiunto che la presidente dell' Antimafia avrebbe “violato le regole, la commissione Antimafia va riunita, lei non l'ha fatto e si è inventata la categoria degli impresentabili a 24 ore dalle elezioni”. Per il governatore  ha detto ancora De Luca “è un'impresentabile essa stessa, ha fatto un atto monocratico. A questa signora – ha tuonato - rimprovero la sua esistenza”. Inevitabile affrontare anche il capitolo scottante della Legge Severino: “Se verrà applicata avrò 18 mesi di ferie pagate dallo Stato”.  Quanto, invece, all’alleanza con i cosentiniani dice: “Ho siglato un’alleanza politica con le forze moderate, non con Cosentino. Io ho perso nella Terra dei fuochi e a Casal di Principe, l’unico cosentiniano era il mio avversario. Su questo piano non accetto lezioni da nessuno”. E Verdini? “Nessuno scandalo se le riforme vengono votate da un ventaglio di forze che vanno al di là della maggioranza”.

Infine De Luca ha aperto alla candidatura di Antonio Bassolino a Napoli: “Ha gli stessi diritti e doveri di tutti i dirigenti e gli iscritti del Pd. È un candidato vincente? Lo decideranno gli elettori. È un candidato unitario? Spetterà agli organismi dirigenti verificarlo”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento