menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca e Renzi

De Luca e Renzi

Dario Vassallo scrive a Renzi: "Al Sud ha stravinto il No per De Luca & C."

In una lettera pubblica sul Fatto Quotidiano il fratelli del sindaco pescatore, ucciso il 5 novembre 2011 nel comune di Pollica, attacca a muso duro la classe dirigente salernitana del Partito Democratico

E’ polemica nel Cilento sulla lettera che Dario Vassallo, fratello dell’ex sindaco di Polla Angelo ucciso il 5 settembre 2011, ha pubblicato questa mattina sul Fatto Quotidiano ed indirizzata al segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, con cui attacca frontalmente il Pd salernitano facendo riferimento alle recente sconfitta al referendum costituzionale. “Al sud abbiamo perso, perché abbiamo delegato ai notabilati. Lei – scrive Vassallo - al Sud ha perso perché ha avallato una politica feudale che imperversa da oltre 40 anni e che si tramanda da padre in figlio, come una dote, una carica nobiliare, avendo un solo scopo, mantenere il potere. Lei non ha rottamatoniente e nessuno, da quando è diventato segretario tutto è rimasto come prima e le sue promesse sono diventate un miraggio”.

Poi il fratello del sindaco pescatore tira in ballo il governatore della Campania e diversi esponenti democratici: “Ma lei conosce veramente Vincenzo De Luca? Egli è il presidente della Regione, al quale io avevo chiesto il riconoscimento del giglio marino come specie protetta, visto che la Campania è l’unica regione del Sud a non riconoscerlo. È il presidente al quale avevo chiesto di attuare, praticamente, nella sua regione e a favore dei pescatori, il progetto “Pulizia dei fondali marini”. Non è una cosa strana: è un progetto scelto dal Dipartimento di Stato a rappresentare l’Italia alla Conferenza Mondiale sugli oceani organizzata da John Kerry, e tenutasi a Washington il 15-16 settembre 2016”. Nel suo mirino finisce anche Franco Alfieri: “De Luca è il presidente che ha nominato  Alfieri, consulente personale per Caccia, Pesca e Agricoltura, dandogli poteri ampi. Ma Lei lo conosce? Egli è il sindaco di Agropoli, incandidabile alle elezioni regionali del 2015. Lorenzo Guerini, mi rispose “chi lo vuole candidare dovrà passare sul mio corpo”Chapeau al suo vicesegretario. Franco Alfieri è colui che dice di non aver visto le sette denunce fatte da Angelo Vassallo, ex sindaco di Pollica. Franco Alfieri è colui che è stato rinviato a giudizio insieme ad altri 77 personaggi nel processo “Due torri bis”, processo che riguardava una dozzine di strade ubicate nella provincia di Salerno, pagate e mai ultimate. L’anno scorso è stato prosciolto per prescrizione e noi continuiamo ad essere come Fondazione tra i pochi che si sono costituiti parte civile”.

Ma non finisce qui. Dario Vassallo punta il dito anche contro il sindaco Pd di Pollica Stefano Pisani: “Lei sa che questo suo iscritto ha autorizzato nel suo comune la “Sagra del Pesce” il 5 settembre 2014 e il 5 settembre 2015. Il 5 settembre è l’anniversario dell’assassinio di Angelo Vassallo, suo predecessore. Sarà una caratteristica del Pd salernitano, ma in ogni evento importante c’è sempre una frittura di pesce, forse perché il pesce è ricco di fosforo, ma visti i risultati. Lei conosce Antonio Valiante (Pd)? Egli è stato vicepresidente della Regione Campania ed è lo stesso che due anni fa mi voleva querelare perché chiedevo un’ indagine politica sull’uccisione del Sindaco Pescatore. Il figlio Simone Valiante (Pd) è deputato di questa Repubblica. Le colpe non sono tutte sue, perché di queste storie ho parlato a Maurizio Migliavacca (capo segreteria del Pd all’epoca di Bersani, nda), a Guerini e per ultimo Luca Lotti. “Qualcuno” Le dirà che io sono matto, è probabile. Le diranno che cerco la notorietà, questa no. La notorietà mi ha assalito la notte del 5 settembre 2010, quando mio fratello Angelo, il Sindaco Pescatore, fu ucciso con sette colpi di pistola. Forse a lei nessuno ha detto che Angelo è stato ucciso avendo in tasca la tessera del suo partito. Spero che altri non diventino “noti” come me, ma questa ipotesi è possibile perché con la sua politica al Sud ha spianato un’autostrada all’illegalità e in molte zone del Sud si ha più paura di certi politici che della camorra” conclude Vassallo.

Immediata la reazione di Simone Valiante, che su Facebook denuncia: "Per l’ennesima volta dopo anni si continua ad utilizzare abusivamente il mio nome e la mia persona. Non devo, dopo anni, ricordare a tutti noi il profondo legame che unisce e che univa Angelo e la sua famiglia alla mia. Argomenti noti. Forse non sufficientemente noti a Marco Travaglio ed al suo giornale, al quale consiglio per documentarsi di intervistare qualche componente della famiglia Vassallo. A Matteo Renzi, invece, se ci dovesse essere un sistema elettivo con le preferenze per la prossima tornata elettorale, consiglierò io stesso di candidare questo nostro amico impegnato da tempo, per potersi misurare con la stima e l’apprezzamento del nostro popolo. Per evitare, tuttavia, il fastidio di “incontrare” questo signore su qualche quotidiano, come accade da tempo, ho chiesto al mio avvocato di verificare le condizioni per tutelare la mia persona da questa forma di “stalking” permanente e gratuito che ricevo da personaggi “in cerca d’autore”  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento