menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fotoreporter Guglielmo Gambardella

Fotoreporter Guglielmo Gambardella

Convegno alla stazione marittima, scontro tra Maccauro e Amatruda

Gaetano Amatruda, portavoce di Caldoro, in un post su Facebook ha definito marchettari istituzionali i relatori della tavola rotonda

Tensione tra il presidente di Confindustria Mauro Maccauro e alcuni rappresentanti del centrodestra salernitano. Non è piaciuta, infatti, all'opposizione, la partecipazione di Maccauro, insieme a quella di altri rappresentanti istituzionali, alla manifestazione alla stazione marittima promossa da Piero De Luca, primogenito del Governatore della Campania. L'ex candidato sindaco Gaetano Amatruda, portavoce di Caldoro, in un post su Facebook ha definito marchettari istituzionali i relatori della tavola rotonda. "Una vergogna- ha scritto Amatruda - Questa iniziativa della Stazione Marittima è lo specchio del sistema di potere salernitano. La confusione fra politica e ruoli istituzionali, dunque terzi. L'ipoteca dei figli del Capo sui gruppi dirigenti e sulla città. Il familismo amorale che diventa regola e metodo. Mi spiace per personalista che stimo come Maccauro e Gallozzi, credo però che sia un grave errore mischiarsi ai 'marchettari istituzionali'. E' una iniziativa politica e non ha senso, è inopportuna la presenza di chi ha ruoli di rappresentanza e associativi nella città. Correre al capezzale dei figli è mortificante, è un sistema vecchio - ha continuato-  La città europea? Macché. Questa è la rappresentazione dell'ultimo dei paesini, nell'Italia del dopoguerra. Nessuno derubrichi la polemica con la lettura dell'astio verso i figli di Pol Pot. Questa iniziativa è  lo specchio della crisi, e' la inconsistenza dei gruppi dirigenti e del burattino che presta il volto. E' la fotografia del provincialismo dei protagonisti economi del territorio salernitano. Questi signori dovrebbero costruire rapporti, avere interlocutori europei, puntare sulla competitività".

E il consigliere comunale Roberto Celano incalza: "Da sempre denuncio il sistema di potere, la cappa asfissiante costruita sulla città che uccide il merito e favorisce la fedeltà al potere". Per il centrodestra, l'iniziativa di domenica ha segnato l'apertura della campagna elettorale di Vincenzo Napoli e della sua squadra. "Salerno tra presente, passato e futuro" è stata anche e soprattutto l'occasione per Piero De Luca di lanciare la sua squadra. Tra i relatori anche il presidente dell’Autorità portuale, Andrea Annunziata, che non ha avuto problemi a confermare il suo sostegno al centrosinistra. Non è mancata, ad ogni modo, la replica ai commenti del centrodestra da parte di Maccauro che ha definito la campagna politica contro l’evento una aggressione mediatica di stampo camorristico. Anche il sindaco Napoli, nel corso del convegno, ha detto: "Chi è mediocre resta sempre tale, chi tenta di fare qualcosa di specifico si separa da questa schiera".

Quanto al ruolo di quest'ultimo nella querelle, il capogruppo di Forza Italia Peppe Zitarosa lo difende: "Conosco Roberto Celano da quindici anni e quelle che abbiamo letto sulle pagine dei giornali non sono parole sue. Non le avrebbe mai pronunciate da persona equilibrata com’è. Roberto è un uomo con i piedi per terra e con il metro in tasca. Queste associazioni e i loro associati trainano l’economica locale, proiettando il nostro stato di salute economico a livello nazionale. Le loro aziende garantiscono lavoro a migliaia di lavoratori e alle loro famiglie. Ritengo quindi necessario abbassare i toni e non rilasciare dichiarazioni personalistiche da parte di chi parla per sé e non per il partito. È necessario pesare le parole ancor più in questo delicato momento di campagna elettorale, dove ogni messaggio può essere frainteso.

Infine Zitarosa aggiunge: “Non condivido posizioni destabilizzanti. E ritengo inutile essere ipocriti. Noi dobbiamo guardare in faccia alla realtà e ricordare che quando c'era Caldoro questi stessi interlocutori si confrontavano – come era giusto – con l’ex governatore. Ritengo, quindi, assurda questa polemica. Noi del centrodestra dobbiamo continuare nel nostro lavoro di confronto con tutte le istituzioni e creare un’alternativa a chi governa. Poi ognuno quando va a votare sa qual è il proprio vero orientamento. Quindi, meno polemiche e più confronto con una categoria a noi vicina”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento