Manutenzione stradale, la deputata Bilotti scrive al ministro De Micheli

L'idea è quella di intervenire sul piano “Rientro strade” approntato di concerto tra Anas e Ministero, che prevede la riclassificazione di un elenco di vie regionali e provinciali trasferendone la competenza all'Anas

Il 42% delle strade regionali e provinciali si trova nel Mezzogiorno, ma per la loro manutenzione si spende meno del 30% del totale nazionale. Parte da questi numeri l'interrogazione che la deputata Anna Bilotti (Movimento 5 Stelle) ha indirizzato al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, chiedendo quali iniziative il Ministero intenda intraprendere “per ridurre lo squilibrio infrastrutturale tra Nord e Sud del Paese alla luce dell'impossibilità degli enti provinciali e regionali di garantire la necessaria manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti viarie di competenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dettagli 

L'idea è quella di intervenire sul piano “Rientro strade” approntato di concerto tra Anas e Ministero, che proprio per fare fronte alla difficoltà degli enti locali nel garantire una viabilità sicura e decorosa prevede la riclassificazione di un elenco di vie regionali e provinciali trasferendone la competenza all'Anas. Anche in questo piano si starebbe infatti riproponendo, al momento, la disparità tra Nord e Sud: “Da quanto si evince dagli atti ministeriali – scrive la parlamentare salernitana – solo una percentuale minima della rete viaria soggetta a riclassificazione avrebbe coinvolto le strade delle regioni meridionali, basti pensare ai 1000 km della regione Lombardia contro i 200 della regione Campania”.  Da qui la sollecitazione al ministro, con particolare attenzione ai disagi che si registrano nella provincia di Salerno e nel resto della regione. “I risultati dell'asimmetria territoriale sono sotto gli occhi di tutti – sottolinea Bilotti – alla luce dello stato di abbandono, di incuria e quindi di pericolo in cui versano le infrastrutture stradali. Ne è un esempio in Campania la strada regionale 164 (ex Statale164 “Delle croci di Acerno”) che si snoda tra le province di Salerno e Avellino per 76 km e che collega la Valle del Sele con l'alta valle del Calore Irpino. Ad oggi frane, smottamenti e mancanza di manutenzione ne condizionano per lunghi tratti l'agibilità nonostante il valore funzionale e la valenza paesaggistica”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento