Meetup Eboli: Piano Traffico 2015

Dopo circa una settimana dall’introduzione da parte dell’amministrazione comunale del nuovo piano traffico e principalmente quello che riguarda il doppio senso di marcia di via Matteo Ripa e la chiusura al transito delle auto su corso Garibaldi possiamo trarre le prime parziali conclusioni anche grazie alle osservazioni raccolte tra commercianti e residenti della zona

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Quello che salta subito all’occhio è la difficoltà oggettiva nel  trovare parcheggio che anche se diventato gratuito ha visto notevolmente diminuire la capacità ricettiva creando non pochi disagi  a cittadini e negozianti.

Per quanto riguarda l’istituzione della ztl su corso Garibaldi, rinominata “via delle arti”, notiamo che oltre alla grande risposta, che non può che farci piacere, da parte dei cittadini alla serata inaugurale l’atteso “struscio” per ora non c’è stato, attendiamo le  feste natalizie e gli incassi degli esercenti per poter fare delle valutazioni più accurate.

Infine ma prima per ordine di importanza è la questione sicurezza, già il primo giorno abbiamo potuto notare la difficoltà da parte delle ambulanze che transitano su  viale Amendola nel percorrere le arterie che portano all’ospedale perdendo minuti preziosi, che potrebbero salvare delle vite. Inoltre, e speriamo non succeda mai, cosa potrebbe accadere in caso di incidente in Via Matteo Ripa? Si rischia una paralisi totale dell’intero centro cittadino e le conseguenze sono facilmente prevedibili. 

Attenzione la nostra non vuole essere una bocciatura, ma vogliamo richiamare l’attenzione sulla sicurezza e sulla fattibilità reale di iniziative che coinvolgono, anche indirettamente, una così larga fetta di ebolitani, quindi chiediamo per il futuro maggiore confronto tra amministrazione e le altre parti politiche e sociali della città, nel segno di una collaborazione costruttiva su temi  così importanti per la collettività.

Torna su
SalernoToday è in caricamento