rotate-mobile
Politica

Morti bianche, le riflessioni del gruppo Radici di Bracigliano

La nota stampa

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

E’ stata una settimana terribile segnata da due incidenti sul lavoro, nei quali hanno perso la vita 9 persone. Un primo incidente è stato quello di domenica scorsa, dove due carabinieri, il maresciallo Francesco Pastore di 25 anni e l’appuntato Francesco Ferraro di 27 anni, sono stati uccisi dalla folle corsa di una vettura guidata da una donna che è andata a scontrarsi contro l’auto dove viaggiavano i due giovani, entrambi pugliesi, che si trovavano in servizio a Campagna (SA). L’altro incidente, si è verificato martedì scorso, a Suviana (BO), quando una forte esplosione ha colpito la centrale idroelettrica di Bargi costruita sulla riva del lago di Suviana, dove hanno perso la vita 7 operai.

Il Gruppo “Radici” di Bracigliano, con i suoi esponenti, è intervenuto per delle riflessioni su questi tragici incidenti. “Innanzitutto – hanno detto i Consiglieri di “Radici” – esprimiamo le nostre più sentite condoglianze cristiane a tutte le famiglie delle vittime coinvolte in questi tragici incidenti occorsi in questa settimana”. “Nel primo caso, quello dei due giovani carabinieri – sostengono i Consiglieri del Gruppo “Radici” – si è trattata di una tragica fatalità, causata dall’imprudenza e imperizia di una donna risultata poi anche positiva ai test di alcool e droga. Non si può perdere la vita in questo modo, è assurdo. Come assurdo e vergognoso è il deplorevole video, diffuso a mezzo social da ignoti per deridere i due carabinieri vittime di questo tragico incidente. Condanniamo senza mezzi termini l’autore o gli autori di questa ignominia. Per quanto riguarda la tragedia di Suviana si sta cercando di comprendere le cause che hanno provocato l’esplosione. Tuttavia si tratta di un altro tragico incidente che poteva e doveva essere evitato”.

 “Sosteniamo con forza e convinzione – hanno concluso i Consiglieri di “Radici” – che è fondamentale investire sulla sicurezza sui luoghi di lavoro affinchè tragici incidenti come quelli avvenuti non accadano mai più. Il bilancio delle morti bianche da inizio anno è impietoso e ci consegna un dato allarmante segnato dall’aumento delle vittime sui luoghi di lavoro. La politica ha il dovere morale ed istituzionale di intervenire al più presto per garantire la massima sicurezza dei lavoratori”.

I Consiglieri del Gruppo “Radici” hanno espresso massima solidarietà e sostegno a tutte le iniziative in favore della sicurezza sul lavoro.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti bianche, le riflessioni del gruppo Radici di Bracigliano

SalernoToday è in caricamento