Nomine nella sanità campana alla vigilia delle prossime elezioni, l'ira di Vuolo e Odierna

Lucia Vuolo. "Bene la promozione del salernitano Walter Longanella all'ospedale San Paolo di Napoli. Peccato che la sorella Anna sia candidata nelle liste del Pd"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

“Apprendo, dagli atti ufficiali, che Walter Longanella è diventato direttore sanitario dell'ospedale San Paolo di Napoli il 14 settembre scorso. Sono contenta che un'eccellenza del territorio salernitano abbia avuto il riconoscimento professionale che merita. Spero, però, che non abbia influito la candidatura, nelle liste del Pd, della sorella, Anna Longanella, stimata professionista di Castel San Giorgio e figlia dell'ex sindaco di Castel San Giorgio, Francesco. Sarebbe un'operazione poco trasparente alla vigilia delle elezioni regionali per l'entourage di Vincenzo De Luca”. Così Lucia Vuolo, europarlamentare della Lega, commenta l'ennesima nomina regionale nel campo della sanità alla vigilia del voto in Campania. “A pensare male si fa peccato, ma molto spesso si indovina. Non vorrei che la frase cara al cardinale Francesco Marchetti Selvaggiani, vicario di Roma, e Giulio Andreotti stavolta possa essere profetica. Nominare un direttore sanitario a pochi giorni dalle elezioni non è certamente un segnale di trasparenza, figuriamoci poi se è collegato alla candidatura di una persona che corre proprio nella lista del Pd. Mi auguro che qualcuno possa spiegare ai cittadini come è potuto accadere tutto questo. D'altronde viviamo in una democrazia e non nel feudo di qualcuno”.

 

Il commento di Sebastiano Odierna, candidato al consiglio regionale con Lega Salvini

"Nomine last minute per il Governatore della Campania, a pochissimi giorni dal voto. De Luca colpisce ancora, non ha rispetto di niente e di nessuno e fino all’ultimo istante da Governatore continua a gestire la cosa pubblica come fosse un’azienda privata. Con delibera 911 del 14 settembre 2020, del direttore generale dell'Asl Napoli 1 centro, conferisce un incarico quinquennale di direttore dell'Uoc, direzione medica di presidio P. O. San Paolo di Napoli, a Walter Longanella fratello della candidata del PD in provincia di Salerno Anna Longanella. Tutto questo a sei giorni dal voto.

Non discutiamo della professionalità del dottore, anzi sono contento che un professionista del territorio salernitano abbia avuto il riconoscimento professionale che merita. Quello che discuto è il metodo e i tempi in cui è avvenuta la nomina: un vero e proprio metodo De Luca.

Spero, che non abbia influito la candidatura, nelle liste del Pd, della sorella, Anna Longanella, stimata professionista di Castel San Giorgio e figlia dell'ex sindaco di Castel San Giorgio, Francesco. Una operazione poco trasparente alla vigilia delle elezioni regionali per l'entourage di Vincenzo De Luca. Insieme ai legali della Lega, stiamo studiando il caso e se ci sono gli estremi presenteremo denuncia. Una sorte di Spoils System con marchio di fabbrica De Luca. Una gestione della politica clientelare e familistica trasferito da Salerno, direttamente in Regione Campania in questi cinque anni”. Poi aggiunge Odierna “De Luca ci ha abituati a questo tipo di occupazione e di nomine nella sanità pubblica, senza scrupoli non guardando all’interesse e alla salute della gente. Un qualcosa di simile è stato fatto al Ruggi di Salerno con la nomina del  suo consigliere politico Enrico Coscioni. Un’operazione perfetta quella confezionata per il consigliere e braccio destro alla sanità di De Luca, Enrico Coscioni, nominato oltre due anni fa primario di un reparto fatto sorgere dallo sdoppiamento della cardiochirurgia dell’ospedale Ruggi di Salerno. Tutto questo a danno di un luminare, di livello Nazionale, della Cardiochirurgia il dottor Severino Iesu, che è stato mortificato. Bisogna porre fine assolutamente a questo sistema De Luca. Il mio obiettivo, una volta eletto consigliere regionale, è proprio quello di vigilare e fare in modo che queste cose non accadano più”. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento